Calcioscommesse, blitz all'alba: 19 arresti. In carcere anche Mauri e Milanetto

 di Massimo Poerio  articolo letto 757 volte
Stefano Mauri (fonte internet)
Stefano Mauri (fonte internet)

L'inchiesta Last Bet ha avuto stamane un nuovo impulso con l'operazione condotta dalla polizia, in campo anche la Digos, che ha portato all'arresto di ben 19 soggetti.

19 ARRESTI - Il Gip di Cremona, Guido Salvini, ha autorizzato la custodia cautelare per Stefano Mauri (Lazio), Omar Mianetto (Padova), Cristian Bertani (Sampdoria), Paolo Acerbis (Vicenza), Alessandro Pellicori (Torino), Marco Turati (Modena), Matteo Gritti (Petrolul Ploiestie), Ivan Tisci (ex centrocampista ora diesse). Ai domiciliari con obbligo di firma Francesco Ruopolo (Padova), Kewullay Conteh (difensore ora svincolato), Inacio Jose Joelson (Pergocrema). Oltre ai calciatori sono stati arrestati anche Vittorio Gatti (Amico di Filippo Carobbio), Zoltan Kenesei, Matyas Lazar, Laszlo Schultz, Istvan Borgulya e Laszlo Strasser.

CAPO D'ACCUSA - I provvedimenti restrittivi e le perquisizioni sono scattate con il capo d'accusa, pesante come un macigno, di "associazione per delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva".

PERQUISIZIONI — Tra le perquisizioni in corso c'è anche quella che riguarda il tecnico juventino Antonio Conte, coinvolto per la sua esperienza dello scorso anno a Siena. Perquisita anche la casa di Sergio Pellissier, attaccante del Chievo.

POLIZIA A COVERCIANO - All'alba la polizia si è recata anche a Coverciano dove è stato perquisito il ritiro della nazionale e notificato un avviso di garanzia a Domenico Criscito, ex calciatore del Genoa, attualmente allo Zenit San Pietroburgo.