Serie D avvincente: la lotta per la Lega Pro si allarga a 40 squadre

 di Marco Pompeo Twitter:   articolo letto 626 volte
Serie D avvincente: la lotta per la Lega Pro si allarga a 40 squadre

La Serie D sta entrando nel vivo della stagione e la lotta per accedere al campionato professionistico di Lega Pro sta diventando davvero avvincente. Se nei gironi B e C Monza e Mestre hanno praticamente ammazzato il campionato, nei restanti sette raggruppamenti sono quasi quaranta i club che possono ancora sognare un posto nel calcio che conta a fronte dei nove posti disponibili per il salto di categora (compresi ovviamente i due gironi comandati come detto da Monza e Mestre).

Nel girone A la lotta è serrata perchè il posto della capolista è occupato dal terzetto Chieri, Cuneo e Varese ma ad un passo da loro, in una manciata di punti, seguono Caronnese, Borgosesia, Inveruno e Pro Sesto per un finale di stagione che potrebbe essere davvero sul filo di lana. Nel raggruppamento B il Monza è con un piede in Lega Pro ma gli otto punti di vantaggio non scoraggiano Pergolettese e Pro Patria che hanno giurato di giocarsela fino a quando non ci sarà il verdetto della matematica e con gli scontri diretti il torneo potrebbe davvero riaprirsi. Discorso praticamente analogo nel girone C dove il Mestre ha dieci punti sulla Triestina, gli alabardati però non vogliono mollare ma se gli orange continuano la loro marcia ci sarà poco da fare. Nel girone D altra lotta davvero interessante con Imolese, Delta Rovigo, Lentigione, Ravenna e Correggese tutte racchiuse in quattro punti e pronte a darsi battaglia fino alla fine. Anche il raggruppamento E sta sviluppando una trama interessante in cima alla classifica dove il Gavorrano ha solo tre punti di vantaggio e deve fare i conti con le inseguitrici Massese, Lavagnese e Savona. Scendendo nel gruppo F la musica non cambia: Fermana, Matelica, Vis Pesaro e San Nicolò sono tutte vicinissime ed hanno l'organico per lottare fino all'ultima giornata per realizzare il sogno promozione. Anche nel girone G c'è bagarre con Rieti, Arzachena, Monterosi, L’Aquila, Ostia Mare ed Albalonga che domenica dopo domenica si sfidano per assicurarsi il primo posto. Nel raggruppamento H la sopresa (ormai non più tale) è il Trastevere che vanta sette punti di vantaggio sulla Nocerina. Si potrebbe fare un discorso simile a Monza e Mestre se non fosse che oggettivamente il girone è molto più equilibrato ed ogni domenica può succedere di tutto. Il Trastevere ha un buon vantaggio ma molossi, Bisceglie, ed anche Gravina e Nardo, non vogliono arrendersi e c'è da scommettere che anche loro daranno battaglia fino alla fine. Chiudiamo col girone I dove non ci sono squadre sin qui mostratesi all'altezza di tentare una vera fuga: Sicula Leonzio, Cavese, Igea Virtus, Rende e Gela ci credono e la classifica li autorizza a sognare.