Doppio Bettoni e l'OltrepoVoghera supera il Pinerolo

 di Alessandro Maggi  articolo letto 89 volte
Doppio Bettoni e l'OltrepoVoghera supera il Pinerolo

Quattro risultati utili consecutivi: Caronnese (2-2), Bra (2-1), Pro Settimo (0-1) e Pinerolo (2-1). Dieci punti in quattro gare, soprattutto dopo lo spaventoso 6-1 incassato a Inveruno. Doppia svolta. Negativa a Inveruno, positiva da quel momento in poi. Sei lunghezze sopra i playout (32 a 26 punti) e strada per conquistare la salvezza diretta (senza code) spianata. L'OltrepoVoghera è un'altra squadra rispetto al girone di andata. Nella testa, nelle gambe, nel modo di stare in campo, nella gestione della gara, nel giocio, nel fraseggio, nel palleggio, nella maturità. Ci è voluto un po' di tempo, ma tra infortuni, squalifiche, arrivi e partenze, giovani e meno giovani, crescite, mentali e fisiche. Il tutto, alla fine, frutto di un lavoro di staff e di gruppo, che ha pagato. Nel momento topico della stagione, a metà del girone di ritorno, dove anche le prime della classe faticano a vincere contro squadre di media e bassa classifica, e dove il livellamento è ai massimi sistemi. Con questo, la strada, sempre quella, è ancora lunga per raggiungere l'obiettivo piano. La partita, lo scontro diretto, non è stata facile da gestire. L'OltrepoVoghera è andato presto in vantaggio (6', con incornata precisa del difensore centrale Bettoni), poi ha subìto il ritorno del Pinerolo, che ha fallito un rigore (o meglio Cizza lo ha respinto a Gioè) concesso con ampissima generosità dall'arbitro, come tanti altri visti in questa stagione e fischiati contro i colori rossoneri. Un Pinerolo che ci ha creduto e che ha trovato prima dello scadere dei primi 45', il pareggio con lo stesso Gioè. Nella ripresa i rossoneri sono gradatamente cresciuti e quando hanno deciso (o meglio sono riusciti) ad accrescere il ritmo, hanno vinto la gara. Segnando il 2-1 (gran doppietta di Bettoni) e sfiorando per altre due volte (con El Khayari e Lazzaro) il 3-1. Che sarebbe stato il risultato più giusto, considerando l'andamento dei complessivi 90'. Il Pinerolo gioca attorno e pende dalle labbra del suo giocatore di maggior spessore, Gasbarroni, che spesso però si ha l'impressione che giochi da solo e predichi nel deserto. Alla fine, pur magari in maniera sottile, una certa differenza di spessore tecnico-tattico, la si è notata tra le due compagini, e la classifica lo sta anche a dimostrare (ci sono ad oggi 10 lunghezze tra l'OltrepoVoghera e i piemontesi). La vittoria è stata limpida e meritata. I tre successi consecutivi danno sostanza e vigore a un gruppo che ha finalmente capito come si sta “dentro” a questo campionato, forte e livellato, dove chi sbaglia è perduto.

OLTREPOVOGHERA - PINEROLO 2-1
RETI: 6’ pt e 29' st Bettoni (OV), 43' pt Gioè (P).
OLTREPOVOGHERA (3-5-2): Cizza; Colombo, Di Placido, Bettoni; Tambussi, Zemide, Buglio, D'Aniello, Margaglio (1' st Battistotti); El Khayari, Romano (9' st Lazzaro). A disp.: Bianucci, Hajrullai, Zhury, Maione, Grani, Di Palma, Coccu. All.: Guaraldo (Fasce è squalificato)
PINEROLO (4-4-1-1): Zaccone; Tuninetti (46' st Baldi), Pautassi, Procida, Elotmani; Gili, Noia (33' st Radoi), Begolo, Mulatero (33' st Zojzi); Gasbarroni; Gioè. A disp.: Greco, Gallo, Bamba, Martini, Dalmasso, Di Dio. All.: Nisticò.

ARBITRO: Bodini di Verona (assistenti Pedroni di Schio e Zanatta di Treviso).
RECUPERI: 2' pt; 5' st.
ESPULSI: 45' st Zaccone (P), fallo da ultimo uomo.
AMMONITI: 44’ pt Begolo (P), 27' st Noia (P) e Buglio (OV), 38' st Tuninetti (P).

ANGOLI: 8 (OV); 4 (PI).
NOTE: giornata soleggiata dalla temperatura primaverile, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 500 circa.