Due tifosi dell'Anzio arrestati: avrebbero pestato dei poliziotti

 di Davide La Rocca  articolo letto 369 volte
Due tifosi dell'Anzio arrestati: avrebbero pestato dei poliziotti

Nei giorni scorsi la polizia ha eseguito due arresti in relazione all’aggressione di un sostituto commissario e un sovrintendente, entrambi in servizio al commissariato di Anzio, avvenuta in occasione della partita di serie D e tra Anzio e Lanusei.

I fatti si sono svolti prima della partita, quando alcuni tifosi hanno iniziato ad accendere dei fumogeni e ad esplodere petardi. Gli agenti, impegnati nel servizio di ordine pubblico, hanno individuato i responsabili ma, mentre si accingevano ad accompagnarli verso l’ingresso dello stadio per identificarli, circa 30/40 tifosi sono scesi dagli spalti, circondando i poliziotti, che sono stati colpiti con pugni e calci, riuscendo a far allontanare i due tifosi fermati.

Dopo l'aggressione il gruppo di tifosi violenti si è dato alla fuga, mentre i due poliziotti hanno dovuto ricorrere alle cure del Pronto soccorso. Sul posto sono accorsi i poliziotti in servizio al commissariato e, in appoggio, anche i militari dell'Arma e gli agenti della polizia locale che, senza interrompere la partita, hanno avviato le indagini per arrivare all'identificazione degli aggressori.

B.M. e R.M., entrambi 21enni di Anzio, con precedenti di polizia specifici, sono stati condotti negli uffici e, al termine, arrestati per rispondere di lesioni gravi, violenza, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale.

Nel corso della perquisizione effettuata a carico di B.M., sono stati rinvenuti 125 grammi di marijuana, un quantitativo di hashish ed una cartuccia calibro 12. Per lui, pertanto, scatterà anche la denuncia per la violazione della legge sugli stupefacenti e sulle armi.