Fermana, Clemente: "Spero di vestire questa maglia anche in Lega Pro"

 di Marta Bitti  articolo letto 273 volte
Fermana, Clemente: "Spero di vestire questa maglia anche in Lega Pro"

Il tradizionale appuntamento con la stampa questa settimana è dedicato a Gianluca Clemente, terzino destro classe 1996 arrivato alla Fermana nello scorso mese di dicembre.
Originario di Fano, con i granata Clemente aveva svolto il Settore Giovanile ed aveva esordito in maniera molto convincente in Serie D, meritandosi la prestigiosa chiamata al Torneo di Viareggio con la Rappresentativa guidata da Augusto Gentilini ed in seguito quella del Pescara (che lo aveva poi girato in prestito alla Maceratese in Lega Pro con cui aveva collezionato 5 gettoni di presenza).
La scorsa estate, l’approdo al Grosseto, nella Serie D toscana, sembrava una buona occasione per dimostrare nuovamente le proprie qualità, ma le traversie societarie gli avevano impedito di esprimersi al meglio.
A dicembre, l’occhio attento del DG Conti lo aveva convinto a vestire il gialloblù: scelta azzeccata, con il giovane subito protagonista (nel girone di ritorno, in quanto a presenze, al quarto posto dopo Valentini, Ispas e Comotto) e vincente, con il trionfo nel girone F.
“Non posso che ringraziare la Società e il Direttore, che conoscevo da tempo e che mi aveva sempre espresso la sua stima, per il risultato di questa stagione – ha dichiarato Clemente – abbiamo vissuto tante emozioni e ci siamo tolti tante soddisfazioni, anche personali, confrontandoci con avversari tostissimi e dalla lunga carriera. Alcune partite come quelle con il Matelica e la Vis Pesaro resteranno sempre nei nostri ricordi. Dopo l’esperienza deludente con il Grosseto e l’amarezza per le poche presenze dello scorso anno, visto anche il mio ruolo, avevo una grande voglia di riscatto e confesso di avere avuto paura di perdere il mio sogno nel calcio – ha confessato il difensore – per fortuna poi è andato tutto per il meglio con una grande vittoria ottenuta grazie a un gruppo straordinario, in una piazza importante, con uno stadio, una Società e una tifoseria degni di altre categorie”.
Gettando uno sguardo al futuro, ora la massima concentrazione è rivolta alla Poule Scudetto, con i canarini che domenica si recheranno in Toscana a far visita al Gavorrano, poi si potrebbe tornare a pensare a quel professionismo che l’anno scorso a Macerata fu solo assaggiato: “Per quanto riguarda la Lega Pro, ora è presto per parlarne, con la Società dobbiamo ancora avere un incontro ufficiale, anche se spero che ci sia la volontà reciproca di proseguire insieme. Di certo mi piacerebbe continuare a mostrare le mie qualità e giocarmi le mie chances, ma si vedrà quando sarà il momento opportuno – ha concluso il classe 1996 – contro i rossoblù minerari sarà di certo una gara difficile, perché dobbiamo assolutamente vincere per rimanere in corsa, ma di certo alla nostra portata. Io li ho già affrontati due volte in stagione, in Coppa Italia e all’andata: una squadra che con il suo 3-5-2 è sempre dinamica e brava a giocare la palla verso gli attaccanti, proponendo un buon calcio, ma che di certo faremo di tutto per battere. Mister Destro, da bravo trascinatore e motivatore, ha già iniziato a farci preparare la partita al massimo: sarà una bella sfida e speriamo di portare a casa una bella vittoria”.