Pergolettese, Curti punta il dito: "Terna non all'altezza della Serie D"

 di Massimo Poerio  articolo letto 126 volte
Pergolettese, Curti punta il dito: "Terna non all'altezza della Serie D"

La sconfitta contro il Caravaggio non è andata proprio giù a Curti, tecnico della Pergolettese. L'allenatore punta il dito contro la terna arbitrale anche se la squadra ha comunque disputato una prestazione non consona a quanto ci aveva abituato a vedere. "Solitamente non commento mai le direzioni arbitrali, ma stavolta non posso fare  a meno di sottolineare la pessima giornata della terna; una direzione non all’altezza per una gara di serie D. Gli errori commessi, soprattutto nell’occasione del primo rigore fischiato contro Alborghetti, reo di aver colpito il pallone con un braccio a non più di un metro dall’avversario, per non parlare del gol annullato a Pedrabissi per un fuorigoco inesistente o del terzo gol del Caravaggio, viziato sulla nascita dell’azione da un evidente fallo da dietro con spinta su Riceputi, hanno condizionato l’andamento dell’incontro e demoralizzato tutta la squadra. Davanti alla  mia panchina ho visto dare una gomitata in faccia senza che venisse sanzionata dall’arbitro, ne segnalata dall’assistente. Nonostante la  non brillantissima giornata di qualche elemento e le numerose defezioni, la gara la stavamo conducendo come l’avevamo preparata; iniziativa dalla nostra parte in attesa di trovare l’imbucata giusta. Poi le cervellotiche decisioni hanno cambiato le cose in campo e nel tentativo di recuperare ci siamo allungati rischiando di subire altre segnature. Loro sono stati bravi a sfruttare questo vantaggio, ma nonostante tutto, nel finale abbiamo gettato al vento per due volte le occasioni per riagguantare il risultato. Ora sbollita la rabbia, da domani ci concentreremo per la gara di domenica prossima al Voltini contro il Seregno che dovremo fare nostra poichè sarà la prima del duro trittico che ci aspetta".