Rieti, mister Parlato: "Ho sempre voluto giocare gare come quella di Domenica"

 di Davide La Rocca  articolo letto 254 volte
Fonte: FC Rieti
Rieti, mister Parlato: "Ho sempre voluto giocare gare come quella di Domenica"

Consueta chiacchierata di metà settimana col tecnico del Rieti, Carmine Parlato, stavolta alla vigilia di una sfida di assoluto prestigio contro la capolista SFF Atletico, unica formazione di tutta la serie D – insieme al Potenza – ancora a punteggio pieno, con un bel 6 su 6 che gli permette di comandare il girone G.
Alle sue spalle, però, una bagarre infinita ed un Rieti che con 2 punti di ritardo, resta in scia, pronto ad approfittare del primo passo falso della stagione dei capitolini.
Domenica il “faccia a faccia”, che non è ancora una vera e propria resa dei conti, ma che rappresenta comunque un banco di prova generale per entrambe, nonché per le gerarchie di un girone che annovera tante potenziali pretendenti al titolo.
“Queste sono le partite che da calciatore ho sempre voluto giocare – spiega il tecnico Parlato ricordando i suoi trascorsi calcistici – anche se bisogna affrontare tutti gli avversari allo stesso modo. Domenica affrontiamo una squadra che ha sempre vinto e contro avversari del genere, l’ambiente e lo spogliatoio si carica automaticamente perché a tutti piace mettersi in evidenza, a tutti piace dimostrare di essere migliore dell’avversario. Detto ciò, anche stavolta occorre portare il massimo rispetto per una squadra che non è lì per caso, che gioca un ottimo calcio e che ha un’intelaiatura tecnico-tattica di primissimo livello. Durante la settimana ci si prepara sempre per ottenere e capire le cose da fare in vista della domenica: sarà una partita che non mancherà di contenuti e di spunti di discussione perché, a mio avviso, quando si affrontano due formazioni strutturate e costruite con il serio intento di competere per le posizioni di vertice, in campo i valori assoluti vengono sempre a galla, anche se talvolta non si assiste ad una bella partita”.
Inevitabilmente Rieti-SFF Atletico diventa il match clou della settima giornata, 90’ che possono ridisegnare la fisionomia della classifica o mantenerla tale, a seconda del risultato.
“Novanta minuti? Direi anche cento – corregge Parlato – Bisogna tenere la concentrazione alta, anzi altissima, andare in campo convinti delle proprie capacità e cercare di fare il nostro gioco: i ragazzi sono stati già avvisati, sanno esattamente quello che voglio e loro anche, ribadendo il concetto di giocare in undici in tutte e due le fasi. Teniamo l’osso in bocca, non lo molliamo e cerchiamo di dare il massimo. È ancora prematuro dare qualsiasi tipo di giudizio sulla stagione, a prescindere dall'esito dell'incontro, quindi pensiamo a giocare. Mi aspetto una gara importante sotto ogni punto di vista, perché c’è tanta fame di successi, tanta voglia di regalare un’ulteriore soddisfazione ai nostri tifosi e alla piazza in generale”.