Vastese, Prisco: "Non abbiamo più alibi"

 di Massimo Poerio  articolo letto 266 volte
Fonte: antonio del borrello
Vastese, Prisco: "Non abbiamo più alibi"

Torna a sudare la Vastese dopo la terza sconfitta consecutiva. Contro il Matelica capitan Allocca e compagni ci hanno provato, giocando alla pari della corazzata marchigiana ma venendo definitivamente frenati nel momento migliore dei vastesi. Dopo il gol annullato(sarebbe stato il 2 a 2) per dubbia posizione di fuorigioco al bomber Prisco, dal calcio di rigore realizzato da Titone. Il terzo penalty consecutivo subito dalla Vastese nelle ultime tre sfide, tutti in momenti delicati dei match con risultati a sfavore dei biancorossi ma ancora in bilico. La dirigenza biancorossa non pensa ad alcuna malafede ma si augura che da domenica prossima fino al termine della stagione possa esserci maggiore attenzione da parte di arbitri e loro assistenti. Alla ripresa degli allenamenti il tecnico Max Favo ha ritrovato il gruppo quasi al completo con le defezioni dei due ’98 Di Pietro e Scutti, sarà un’altra settimana intensa, il prossimo ostacolo si chiama Campobasso e dopo oltre due mesi all’asciutto di vittorie i biancorossi non pensano ad altro se non ai tre punti. Per ritrovarli si affideranno al centravanti Prisco tornato al gol domenica e pronto a non fermarsi più per riportare la Vastese stabilmente nella griglia playoff.

 

Bomber Prisco, domenica contro la vice capolista Matelica nonostante il terzo kappaò consecutivo la Vastese ha dato i primi cenni di reazione, cos’è mancato per evitare la sconfitta? “Ripensando agli ultimi novanta minuti abbiamo ben poco da rimproverarci, forse il quarto d’ora iniziale ci ha penalizzato ma abbiamo dato il massimo disputando una grande prestazione, nel secondo tempo i nostri avversari erano parecchio timorosi e pensavano solo a buttare palla il più lontano dalla loro area, sono stati bravi a sfruttare il rigore ma noi abbiamo avuto più di un’occasione per pareggiarla”.

Hai trovato il primo gol del 2017 ma sarebbero potuti essere anche due i gol visto quello ingiustamente annullato nel secondo tempo, dopo esserti sbloccato all’Aragona quanto sarà importante timbrare anche lontano da Vasto? “Qualcuno mi ha confermato la validità di quel gol riguardando le immagini ma oramai fa parte del passato, dobbiamo guardare avanti e tornare assolutamente alla vittoria, è l’unica cosa che conta dopo due mesi poco fortunati per noi dal punto di vista dei risultati, sono contento per il gol ma ora ne voglio altri sperando siano tutti decisivi per le future vittorie della Vastese”.

Oramai sei rientrato da tre domeniche ma a cavallo tra vecchio e nuovo anno complici infortunio alla caviglia, squalifica di tre giornate e lunga pausa natalizia sei rimasto a lungo in tribuna, quanto è stato difficile? “Parecchio, non scendere in campo la domenica non è mai bello specie dopo aver lavorato sodo durante la settimana, è pesato sicuramente di più a livello fisico perdendo il ritmo partita ecco perché il rientro non è stato semplice, per fortuna sento che domenica dopo domenica la forma sta tornando quella d’inizio stagione”.

Da una settimana c’è stato il cambio in panchina, com’è stato l’impatto con mister Favo? “Assolutamente positivo nonostante i pochi giorni , stiamo lavorando e sudando molto, domenica nonostante il ko qualcosa di buono e nuovo si è visto, siamo sulla buona strada, abbiamo il dovere di recuperare il terreno perso negli ultimi due mesi”.

Se i primi due posti si sono allontanati i restanti tre posti sono ancora alla vostra portata, cosa dovrete fare da qui a maggio per rientrare stabilmente in zona playoff? “In primis riabbracciare la vittoria perché manca da troppo tempo, ai playoff crediamo ciecamente e con ancora undici giornate a disposizione abbiamo l’opportunità di rimetterci nella giusta carreggiata, gli ultimi tre mesi saranno decisivi e noi non potremo più sbagliare”.

Domenica trasferta nella vicina Campobasso, è l’occasione giusta per ritrovare il feeling con la vittoria che manca da più di due mesi? “Dopo tre sconfitte non abbiamo più alibi, dovremo scendere in campo motivati come non mai per i tre punti, i molisani vivono un buon momento di forma, a loro servono i punti per la salvezza, noi proveremo a prenderci quelli utili per i playoff, sappiamo benissimo che sarà una battaglia ma questa volta dobbiamo vincerla noi”.