Vigor Carpaneto, Minasola: "Siamo forti ed in campo... ci divertiamo"

 di Massimo Poerio  articolo letto 159 volte
Fonte: luca ziliani
Vigor Carpaneto, Minasola: "Siamo forti ed in campo... ci divertiamo"

Partita Vigor Carpaneto 1922-Colligiana di domenica scorsa. Minuto 79’: lavagnetta luminosa, esce il numero undici Daniele Bernasconi, entra il numero diciannove Alessandro Minasola. Tempo un minuto, i biancazzurri ripassano in vantaggio (2-1) con l’incornata di Sylla e all’85’ mettono il risultato al sicuro con il rigore trasformato da Rantier per il definitivo 3-1. Nelle due azioni c’è lo zampino di “Mina”, autore dell’assist per il “leone” senegalese e abile poi a procurarsi la massima punizione trasformata dal compagno di squadra francese.

Il classico ingresso perfetto, che fa coppia con gli altri innesti positivi a partita in corso dei vari De Piano, Sylla, Tura e Tinterri per quella che non può che essere una bella vittoria di squadra. “E’ mancato solo il gol – scherza Minasola, jolly offensivo classe 1996 – c’era tanta vogla di conquistare i tre punti, fondamentali per il nostro cammino. Inoltre, era presente un pizzico di rabbia per un pareggio subito per una nostra disattenzione, poi abbiamo reagito bene. La rosa ampia arma in più? Giusto che sia così e che ci sia un roster competitivo, visto che ci sono cinque cambi a disposizione dell’allenatore”.

Una Vigor che continua a far bene, sempre più, arrivando ad agganciare l’ottavo posto in classifica con Romagna Centro e Lentigione e firmando il risultato utile consecutivo numero undici.

“Siamo una squadra forte, giochiamo bene e in campo ci divertiamo. Man mano sono arrivati risultati positivi che ci hanno dato fiducia per la partita successiva”.

Questo Carpaneto ha dimostrato di potersela giocare con tutti.

“Sì, nel nostro girone ci sono squadre forti, ma possiamo affrontarle a viso aperto, proponendo il nostro gioco”.

Mister Rossini continua a focalizzare l’attenzione sulla prestazione. Nel frattempo, la classifica migliora: se dovessi guardarla, lo faresti solo alle spalle o strizzeresti l’occhiolino anche più in alto?

“Il mister ha perfettamente ragione, dobbiamo pensare a come giochiamo e migliorarci. Personalmente, non guardo la graduatoria, ma se proprio dovessi farlo, per ora continuerei a guardarmi alle spalle, è ancora presto per pensare più in là”.

Domenica sfida esterna sul campo del Lentigione, vittorioso nel recupero in trasferta contro la Sangiovannese (0-3).

“E’ una squadra fisica, costruita per puntare a vincere il campionato. Sappiamo che sarà dura, ma andremo da loro per cercare la prestazione, condizione indispensabile per fare risultato”.

Come sta andando a livello personale?

“Io sto bene, cerco di dare il massimo per essere a disposizione della squadra e mi auguro di continuare così”