Finale Champions League al Granillo? Tentativo fallito del sindaco di Reggio Calabria

13.05.2021 08:45 di Anna Laura Giannini   Vedi letture
Finale Champions League al Granillo? Tentativo fallito del sindaco di Reggio Calabria

«In qualità di Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria sono onorato di proporre lo Stadio Oreste Granillo come palcoscenico della prossima finale di Champions League in programma il 29 maggio 2021. Giocare la finale a Reggio Calabria fornirebbe un forte messaggio culturale per l’Europa e per il mondo intero. Reggio è una città con una storia di duemila anni e una posizione unica nel cuore del Mediterraneo, crogiolo di culture e popoli. Qui, nel corso dei secoli, hanno vissuto e imparato dai Greci, Romani, Saraceni, Spagnoli e Francesi l’un l’altro. Lo Stadio Oreste Granillo, il 15esimo stadio italiano per capienza (26.343 posti), è stato recentemente sottoposto a restyling e soddisfa tutti i requisiti per ospitare partite internazionali ed eventi importanti come la Finale di Champions League. Spero che accetterete la mia proposta. La Uefa è sempre la benvenuta a Reggio Calabria, città dell’ospitalità e dell’amicizia tra i popoli».

Queste le parole del sindaco di Falcomatà che ha tentato clamorosamente di proporre a Ceferin, non si sa con quale cognizione di causa, che la finale tra Chelsea e Manchester City del prossimo 29 maggio si disputasse allo stadio Granillo di Reggio Calabria dopo che era stata ufficializzata la decisione, a causa della pandemia, di non farla più giocare all'Ataturk di Istanbul, sede già della finale della scorsa stagione e che ugualmente saltò per il proliferare in Turchia del coronavirus.

La Uefa, naturalmente, non ha preso in considerazione la proposta di Falcomatà e così la finale si disputerà in Portogallo, quasi certamente, manca ormai solo l'ufficialità, all'Estadio Do Dragao di Oporto.