Premier Conte: «Vietati gli spostamenti tra Regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio»

03.12.2020 20:55 di Francesco Vigliotti   Vedi letture
Premier Conte: «Vietati gli spostamenti tra Regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio»

«Il sistema delle regioni gialle, arancioni e rosse è un sistema che sta funzionando. Le misure che adottiamo sono adeguate al rischio effettivo del territorio. Nel giro di meno un mese abbiamo piegato la curva dei contagi. Continuando in questo modo è ragionevole pensare che in prossimità delle festività natalizie tutte le regioni saranno gialle. Stiamo evitando un lockdown generalizzato come quello di primavera. Ma c'è un aspetto che non ci consente di abbassare la guardia: l'arrivo delle festività natalizie, se usassimo le modalità delle zone gialle ci sarebbe una impennata delle curve di contagio, per questo ci saranno ulteriori restrizioni. Le limitiamo dal 21 dicembre al 6 gennaio. La strada per uscire dalla pandemia è lunga, la terza ondata potrebbe arrivare a gennaio. Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati tutti gli spostamenti da una regione all'altra, nei giorni 25, 26 dicembre e 1 gennaio vietati gli spostamenti da un comune all'altro. Divieto di spostarsi in tutta l'Italia dalle 22 alle 5. Voglio chiarire che per casi di necessità ci si potrà spostare, come ad esempio per portare supporto alle persone non autosufficienti. Gli italiani che si troveranno all'estero per turismo dovranno sottoporsi alla quarantena ed è prevista anche per i turisti stranieri in arrivo in Italia nello stesso periodo, dal 21 dicembre al 6 gennaio. Gli impianti sciistici resteranno chiusi fino al 6 gennaio. Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono sospese le crociere. Dal 7 gennaio comincerà la didattica in presenza delle scuole superiori. Rientrerà almeno il 75% degli studenti. Bar e ristoranti aperti a pranzo nelle aree gialle, nelle aree rosse solo per asporto, la consegna a domicilio è sempre consentita. Per i veglioni introduciamo una forte raccomandazione: di non invitare a casa persone non conviventi. Gli alberghi rimangono aperti in tutta Italia, ma il 31 sera non potranno organizzare veglioni e cene. I ristoranti chiuderanno alle 18 e poi sarà consentito il servizio in camera. Dal 4 dicembre al 6 gennaio i negozi resteranno aperti sino alle ore 21. Fino al 31 dicembre per chi paga con Carte e App rimborso del 10% fino a 150 euro, si tratta dell'extra cashback di Natale. Abbiamo voluto evitare che questa misura di vantaggio fosse valida per gli acquisti online, dobbiamo favorire gli esercizi commerciali di prossimità. Per partecipare al programma bisogna scaricare una App e identificarsi. Un pensiero va alle persone con disabilità: la nostra attenzione è costante. Ci vuole impegno e attenzione, dobbiamo continuare lungo questa squadra».

Questa alcune delle dichiarazione di Giuseppe Conte, il Premier italiano ha illustrato il nuovo DPCM in conferenza stampa a Palazzo Chigi.