Caronnese, panchina della Junioes a Luisito Camipsi

16.07.2019 00:30 di Maria Lopez   Vedi letture
Caronnese, panchina della Junioes a Luisito Camipsi

La Juniores nazionale è pronta ad affrontare una nuova, intensa ed entusiasmante stagione e lo farà con un nuovo allenatore: il giovane Luisito Campisi, classe ’87, vecchia conoscenza alla Caronnese.

Il suo curriculum da calciatore è di tutto rispetto che inizia con dodici anni di settore giovanile dell’Atalanta, uno dei più floridi in Italia e considerato una grande fucina di talenti. Luisito fa il suo esordio in Serie B a soli 17 anni con Stefano Colantuono e nel 2006 inizia a fare la gavetta tra Pizzighettone e Massese. Nel 2008 viene acquisito dal Verona e ci resta fino al 2012. In questi quattro anni gioca un anno in prestito al Monza e resta aggregato al club gialloblù nelle altre tre stagioni, tra cui una di Serie B con Mandorlini in panchina. Tra le esperienze da segnalare di Campisianche qualche presenza nelle nazionali giovanili tra under 16, 19 e 20 compagno di Alessio Cerci, Giuseppe Rossi e Sebastian Giovinco, tutti e tre coetanei di Luisito. Nel 2013 Campisi vola negli States e dopo aver svolto la preseason in MLS con Boston approda in Grecia dove fa un provino con il Levadeiakos e durante una sfida amichevole contro il Panionios, squadra di Serie A, viene messo sotto contratto ma per una serie di eventi il trasferimento non si concretizza e torna così in Italia dove chiude la carriera con le maglie di Olginatese e appunto della Caronnese nel 2014. Luisito è ambizioso, resta nel mondo del calcio prendendo il patentino da allenatore e inizia la sua carriera da tecnico. Con il GS Laspezia nel campionato Juniores Regionale A al primo anno vince campionato e coppa di categoria mettendo le basi ad un futuro ricco di successi. Per la prossima stagione sportiva la Caronnese lo ha voluto fortemente all’interno del suo nuovo staff tecnico: in particolare dal direttore sportivo Raffaele Ferrara lo vede come elemento di grande potenziale futuro. Campisi è contento della scelta fatta e non vede l’ora di intraprendere questa nuova avventura: “Sono felice di tornare in una piazza che conosco bene. Qui ho lasciato molti amici che oggi ritrovo con piacere. Questo calcio lo sento più mio, non ci ho pensato un secondo quando il Ferrara mi ha prospettato questa possibilità: questa opportunità per me è importantissima” Luisito si è detto motivato e ha un obiettivo ben preciso in mente: “Ho grande voglia di iniziare, ho parlato anche con mister Gatti perché mi vorrei mettere a disposizione anche della prima squadra, durante l’anno collaboreremo molto per far crescere i ragazzi della Juniores in sinergia con la Prima Squadra. A livello personale voglio fare il massimo perché quando si vince è tutto più facile ed è più bello lavorare. Il tutto, però, deve passare attraverso la crescita dei ragazzi e del bel gioco”. Benvenuto, buon lavoro e in bocca al lupo mister”