Anconitana, il presidente Marconi: «In caso di serie D non ho problemi a...»

08.04.2021 09:45 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: youtvrs
Anconitana, il presidente Marconi: «In caso di serie D non ho problemi a...»

Stefano Marconi il presidente dell’Anconitana ieri sera è tornato a parlare a Radio Tua ricostruendo cosa che aveva già fatto il mancato ripescaggio in serie D nel periodo estivo: “Il mancato ripescaggio è una ferita ancora aperta e pensare che sono andato anche a Roma a sostenere la causa. La città ha subito una grossa ingiustizia anche per il fatto che la domenica prima di Castelfidardo eravamo in testa alla classifica. Se nel periodo estivo alcuni giocatori non sono venuti ad Ancona dovete chiedere a Pieroni ed Arcipreti. Circa il rapporto risolto con con Pieroni non posso che confermare quanto scritto nel comunicato emesso dalla società”.

Lo stesso presidente ha poi parlato della gara di campionato che vedrà l’Anconitana partire sul campo della Jesina: “La rosa a disposizione del tecnico è di qualità e quantità abbiamo preso i profili che ci sono stati chiesti, serviva un difensore abbiamo preso un difensore mancava un attaccante abbiamo preso una punta. Colgo l’occasione per ringraziare quello che sta facendo Antonio Recchi in questo periodo che di fatto si è preso sulle spalle l’intera società. Anche Giuliano Santinelli sta dando una grossa mano. Ci sentiamo spesso le scelte sono condivise. I giocatori che sono arrivati devono dimostrare il carattere e l’attaccamento alla maglia. Per il momento non mi sento di esprimere nessun giudizio anche per il fatto che in questi mesi per impegni personali non sono stato poi cosi vicino alla squadra anche se abbiamo ripreso da poco ad allenarci”.

Circa il mercato il numero uno dell’Anconitana ha poi puntualizzato sulla presenza dei giovani in rosa: “Abbiamo ragazzi interessanti che possono giocare come Riccardi e Baciu ottimi centrocampisti che poi magari se vanno altrove diventano dei fenomeni”. Marconi che dimostra di avere idee chiare anche per quello che riguarda il futuro “Mai parlato con Fedeli, se dovessimo arrivare in serie D non ho problemi a fare entrare nuove persone in società l’importante che siano oneste e trasparenti come lo siamo noi. Sarebbero una risorsa per la città, per la squadra e per l’intera tifoseria”.