Chiarabini è il nuovo diesse dell'Arcetana. Preso subito Martino

Eccellenza Emilia Romagna
12.06.2019 23:15 di Francesco Vigliotti   Vedi letture
Chiarabini è il nuovo diesse dell'Arcetana. Preso subito Martino

 

Un nuovo direttore sportivo, un nuovo innesto nel reparto difensivo e una marea di riconferme: sono le ultime notizie che riguardano l'Arcetana, al lavoro per allestire l'organico che affronterà il prossimo campionato di Eccellenza. Tra l'altro la conferma ufficiale del salto di qualità è arrivata proprio nella giornata di oggi, con apposito comunicato da parte del Comitato Regionale Figc.

Il direttore sportivo della Prima squadra sarà Fabio Chiarabini, nome ben noto nel panorama calcistico reggiano e regionale. Solo per citare i suoi impegni più recenti, fino allo scorso febbraio lui ha svolto il ruolo di direttore tecnico nelle file del Castellarano: inoltre, precedentemente è stato dg di quel Carpineti che arrivò a conquistare uno storico approdo e un'altrettanto storica salvezza in Eccellenza. "L'accordo con l'Arcetana è stato individuato nel giro di pochissimo tempo - evidenzia il nuovo ds biancoverde - Potremmo davvero parlare di accordo-lampo: io ho la ferma volontà di rientrare nel mondo del calcio dopo quattro mesi di stop, e con l'Arcetana c'è stata fin da sùbito un'immediata sintonia in merito alle strategie da attuare in vista del futuro. Conosco da anni la realtà calcistica di Arceto: la recente ascesa in Eccellenza non mi sorprende affatto, perchè qui ci sono tutte le caratteristiche necessarie per mettersi alla prova anche con una categoria di livello così elevato. Ringrazio ovviamente tutto lo staff dirigenziale, che mi ha cercato rapidamente e con la massima convinzione. Per quanto concerne gli obiettivi da raggiungere - prosegue Chiarabini - tutti sappiamo che il percorso non sarà facile: ad ogni modo partiamo con una consistente e ragionevole dose di motivazione, perchè ci stiamo muovendo efficacemente per raggiungere l'obiettivo di una salvezza senza patemi. Abbiamo in mente un'Arcetana che possa divertire e far divertire: le riconferme di mister Capanni e di gran parte dei giocatori che hanno conquistato il salto di categoria vanno decisamente in tal senso, così come l'innesto di Nicola Martino in chiave difensiva. Ovviamente, il mercato non è affatto chiuso - rimarca il ds - Per quanto riguarda le acquisizioni, punteremo a aggiudicarci altri 5/6 giocatori per rinforzare ulteriormente la rosa in tutti i reparti". 

Chiarabini procede poi a illustrare le caratteristiche del primo neoacquisto: "Nicola Martino è un difensore classe 1993, che conosce alla perfezione la dimensione dell'Eccellenza - sottolinea il direttore sportivo - Si tratta infatti della categoria che lui ha disputato negli ultimi tre anni: prima al Carpineti, poi alla San Michelese per due stagioni di seguito fino a poche settimane fa. In precedenza lui si è fatto notare in Promozione, nelle file di Carpineti e Termolan Bibbiano. Stiamo parlando di un giocatore che conosco bene, grazie ai nostri comuni trascorsi nelle file del club appenninico: a livello tecnico e caratteriale, si tratta senza dubbio del profilo giusto per la nuova Arcetana che sta nascendo".

Non è tutto: in casa biancoverde sono da registrare ben 15 riconferme, che vengono elencate nel dettaglio dal presidente Alex Spaggiari. "Cominciando dai portieri, nel prossimo campionato potremo ancora contare sui nostri due guardiani Maurizio Pè ed Emanuele Cortenova - spiega il massimo dirigente di Ascd Arcetana - In chiave difensiva sono poi da registrare i rinnovi di Dario Castrianni, Simone Francia, Alberto Pacella e Christian Macca. A centrocampo, resta ovviamente il capitano Simone Corradini: rimangono anche i suoi colleghi di reparto Davide Tonelli, Leonardo Iaquinta, Alessio Leoncelli e Gabriele Cavanna. Nell'ambito offensivo, ci sono inoltre le riconferme di Giovanni Di Luca, Eugenio Predelli, Luca Ferrari e Massimo Spallanzani. A breve sono previste ulteriori riconferme - aggiunge Spaggiari - oltre alle novità di mercato che sono state descritte da Chiarabini".