Folgore Rubiera San Fao, Porrini: «Punto di partenza la concretezza...»

Eccellenza Emilia Romagna
24.01.2020 10:00 di Francesco Vigliotti   Vedi letture
Folgore Rubiera San Fao, Porrini: «Punto di partenza la concretezza...»

Dopo il prezioso punto conquistato domenica scorsa ad Arceto, la Folgore Rubiera San Fao guarda all'immediato futuro con la rinnovata consapevolezza di avere parecchie frecce al proprio arco: contro i biancoverdi i nostri beniamini hanno rotto una striscia di 4 sconfitte consecutive, dimostrando una volta di più di avere tutti i mezzi necessari per puntare alla salvezza. Domenica prossima, 26 gennaio, i biancorossoblù saranno di scena allo stadio "Valeriani": nella fattispecie la compagine di Semeraro ospiterà i modenesi della Cittadella Vis San Paolo, in un confronto che avrà inizio al consueto orario delle 14,30. Il duello sarà valevole per il 20esimo turno di Eccellenza: la Folgore cercherà di ottenere quel successo che manca ormai da metà ottobre, ma anche di sfatare il tabù legato alle gare giocate sul campo di via Mari. Come è noto, quest'anno i nostri beniamini non hanno mai vinto al "Valeriani" durante il campionato.

"Per affrontare al meglio la Cittadella Vis San Paolo, dobbiamo senz'altro ripartire con energia dal pari di 4 giorni fa - commenta Alessandro Porrini, fantasista della Folgore Rubiera San Fao - Siamo stati capaci di ottenere un pari davvero importantissimo, contro un'avversaria che peraltro è arrivata ad accumulare 8 sfide consecutive senza perdere. Inoltre, il duello con l'Arcetana è sempre molto atteso: è uno tra i derby più tradizionali, e anche per questo siamo davvero contenti per ciò che siamo riusciti a fare. Ovviamente avremmo preferito vincere, ma si tratta di un punto che ha comunque un suo buon peso specifico: inoltre è un risultato utile conquistato in seguito a una prestazione di qualità da parte nostra. Probabilmente ci siamo espressi in maniera non spettacolare: tuttavia ciò che più conta nella lotta per non retrocedere è proprio la concretezza, e ad Arceto ne abbiamo senza dubbio avuta".

Adesso, come sta la Folgore dal punto di vista del morale? Le motivazioni erano elevate già da prima, e immaginiamo che adesso l'ambiente sia ancora più carico...

"Certo che sì: tuttavia al tempo stesso siamo anche ben lontani dal volerci montare la testa, perchè da ora in avanti ci attende una lunga serie di finali che richiederà grossi sforzi pure sotto l'aspetto psicologico. Ad ogni modo, ritengo anche che il nostro gruppo disponga delle caratteristiche necessarie per arginare ogni forma di possibile nervosismo: il miglior antidoto per evitare ansie sta nell'atteggiamento che stiamo manifestando, improntato a concentrarsi con calma e accuratezza su una partita alla volta".

Domenica prossima dovrete fronteggiare delle assenze di non poco conto: mancheranno ancora gli infortunati Federico Lugli e Luca Bassoli, mentre Omar Dallari e James Sekyere dovranno saltare l'impegno causa squalifica. Queste defezioni complicano i vostri piani in vista della Cittadella, non trovi? 

"Di certo sono defezioni molto pesanti, ma ciascuno di noi si sta impegnando ai massimi livelli per fronteggiarle con efficacia: quindi chi scenderà in campo avrà tutte le caratteristiche necessarie per sostituire degnamente gli assenti, sia dal punto di vista del rendimento in campo sia per quanto concerne l'aspetto della tenuta psicologica. Inoltre, già dalla scorsa settimana possiamo contare su un nuovo innesto davvero promettente: come sapete si tratta del centrocampista classe 2001 Riccardo Notari, che domenica potrebbe esordire nelle nostre file".

Quali sono le strategie da seguire per cercare di sorprendere la Cittadella? I modenesi hanno totalizzato soltanto 1 punto nelle ultime 3 partite, e dunque sono in arrivo da un periodo opaco in quanto a risultati: ciò potrà costituire un vantaggio per voi?
"Le difficoltà degli avversari hanno un valore molto relativo nel nostro modo di affrontare la gara: noi siamo infatti concentrati sul nostro rendimento e sulle nostre strategie, senza badare troppo a quelli che saranno gli assetti avversari. Inoltre, l'attuale rallentamento dei biancoblù modenesi non può certo trarre in inganno: nonostante la momentanea assenza di vittorie, la formazione allenata da Andrea Paganelli ha sempre continuato a inanellare prestazioni senza dubbio positive per quanto riguarda il gioco espresso. L'individuazione delle strategie è ovviamente compito del mister: per come la vedo io, credo comunque che dovremo puntare molto sulla capacità di colpire in contropiede che ci contraddistingue. Inoltre ad Arceto abbiamo compiuto considerevoli passi avanti sul piano dell'efficacia difensiva, ed è una strada che dovremo continuare a percorrere: in precedenza provenivamo infatti da 13 gol subiti nell'arco di 4 partite, decisamente troppi". 

A livello individuale, sei soddisfatto per il rendimento che stai sviluppando in questa tua nuova stagione alla Folgore Rubiera San Fao?
"Senza dubbio sì: sto continuando a trovarmi molto bene all'interno del gruppo, e per ora il mio bilancio riguardo al rendimento personale può dirsi nel complesso positivo. Sono motivatissimo nell'ottenere questa salvezza, perchè è un obiettivo che il nostro gruppo merita: quindi, ho la ferma intenzione di non far mai mancare il mio contributo in tal senso".

Domenica, il tecnico rubierese non potrà ancora accomodarsi in panchina: la squalifica comminata ad Alessandro Semeraro dopo l'espulsione contro il Borgo San Donnino scadrà infatti il 29 gennaio.