Pro Gorizia, Visintin: "La musica è cambiata. Chions? Occhio al girone di ritorno"

Eccellenza Friuli Venezia Giulia
13.11.2019 23:30 di Ermanno Marino   Vedi letture
Fonte: il gazzettino
Pro Gorizia, Visintin: "La musica è cambiata. Chions? Occhio al girone di ritorno"

Nobile decaduta, a cui non sta riuscendo l'ascesa, ma non c'è da fidarsi. Sono i tratti Che contraddistinguono la Pro Gorizia, il cui passato nella pri­ma metà del secolo scorso fu In serie C, mentre i trascorsi in In­terregionale si rifanno fino agli anni Ottanta, con una puntata a cavallo del 2000.

Arrivata terza nell'Eccellenza dello scorso cam­pionato. persa la finale playoff con il Brian, adesso stazione in zona playout. Una vecchia cono­scenza del calcio pordenonese come Daniele Visintin, ex Chions e Fontanafredda, in esta­te aveva passato l'Isonzo per ve­stire il biancoceleste. Ora mette in guardia i rivali, cominciando dal FiumeBannia. che nell'antici­po di sabato pomeriggio ospiterà I goriziani.

«Non fidatevi delle impressio­ni. nonostante la posizione attua­le non sia certo quella attesa - af­ferma il grintoso difensore. È vero che siamo un po' in difficol­tà. dopo essere partiti male accu­mulando 4 sconfìtte di fila, e la classifica ne risente. Però nelle successive 5 abbiamo fatto 10 punti. Quindi la musica è cam­biata. anche se siamo i primi a sapere che la zavorra iniziale pe­sa quanto un macigno. Siamo an­cora altalenanti, ma con l’Idea di riprenderci definitivamente. Ci sono valori nella nostra squadra, nonostante l'amalgama non stia dando tutti i frutti sperati». Per questo siete così indietro? «An­che perché ci sono un po' di ra­gazzi nuovi insieme a quelli dell'anno scorso e l'assemblag­gio non ha funzionato subito - ammette -. Speriamo di riuscire a ribaltare la situazione: facendo un fìlotto riusciremmo a tornare dentro la lotta per i posti più im­portanti in chiave di classifica».

Voi avete 10 punti, il Fiume­Bannia ne ha 15: anche quest'ultima è una sorpresa? «Il loro è un bel bottino - riconosce Daniele Visintin -, raccolto grazie a gen­te che sa essere pericolosa da­vanti ed è di sicuro valore. Quella di sabato in casa loro per noi è dunque una partita importante. Anche perché viene prima del ri­torno di Coppa Italia con il Torvi- scosa. che vogliamo superare perché vale la finalissima. Quel­lo al momento è il nostro obietti­vo primario». Proprio il Torvi- scosa era la squadra che. quando il "mastino" si separò dal Chions (serie D) a giugno, sembrava di­vette rappresentare il suo nuovo approdo. «Era cosi. Ci dovevo an­dare. inizialmente - conferma - ma poi un intrccciodi cose mi ha portato a Gorizia». Che gara si aspetta a Fiume Veneto? «Essen­zialmente una sfida brillante sot­to l'aspetto del gioco e delle occa­sioni. Loro sono una squadra Che sta bene in classifica ed è ov­viamente più leggera di testa. Noi abbiamo bisogno di vincere. Credo ci saranno molte occasio­ni e si giocherà con pochi tattici­smi».

Occhio da ex - «Sono contento che il Chions stia facendo grosse cose», è poi il primo commento rivolto dal trentasettenne centrale difensi­vo alla sua precedente squadra. «All'inizio qualche scricchiolio c'è stato, penso dovuto al grosso cambiamento rispetto all'anno scorso, che ha rappresentato comunque qualcosa d'incredibile. Il nostro girone d'andata 2018-19 era passato un po' inosservato - dice il “guerriero" Visintin - e da novizi di categoria abbiamo pa­gato molto il ritorno. Stavolta hanno messo dentro anche un Filippini capace di assestare la squadra: con i nuovi acquisti e le conferme, sono una rosa di valo­re. Quella attuale dei gialloblù mi sembra sia un'ottima classifi­ca. anche grazie a un bravo alle­natore come Zanuttig. Il tutto supportato da una società seria come sempre, in una categoria impegnativa, dove non si può ral­lentare perché altrimenti si ri­schia di trovarsi presto perico­lanti. Sono più "dentro la catego­ria" adesso, e la differenza si ve­drà soprattutto nella seconda parte. C'è da stare attenti per un campionato con 4 partite in più, ma il Chions ha un gruppo che può reggere alla lunga. La rosa quest'anno è rinforzata in tutti i reparti e possono essere più tran­quilli. dietro hanno squadre che ritengo notevolmente inferiori».