Bisceglie, mister Rufini a NC: «Tenuto testa a tutti. Due le più forti del girone H»

24.11.2021 16:30 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Bisceglie, mister Rufini a NC: «Tenuto testa a tutti. Due le più forti del girone H»

Il campionato di serie D sta entrando nel vivo e, come di consueto, la redazione di notiziariocalcio.com cerca di dar voce al campionato che, più di tutti, comprende l'Italia intera.

Il protagonista di quest'intervista è Danilo Rufini, allenatore del Bisceglie, il quale ci ha cordialmente concesso una chiacchierata, partita dal momento che sta vivendo la sua squadra: «Visti gli obiettivi della squadra, sono soddisfatto delle prestazioni ma meno dei punti raccolti: potevamo essere più precisi sotto porta ed avere una classifica migliore. Tolto un tempo con Francavilla ed uno col Cerignola, abbiamo tenuto testa a tutti; non siamo mai stati in una brutta posizione di classifica, vero, ma si deve sempre puntare a fare meglio».

Sul girone: «Lo conosciamo, parliamo di un gruppo in cui ci sono 11-12 squadre che possono ambire ai playoff. Poi ci siamo noi e le altre che puntano a salvarsi; noi speriamo di essere la sorpresa, naturalmente. Ci sono squadre davvero forti, piazze blasonate e calciatori di altre categoria. La mia favorita? Penso che Casertana e Cerignola abbiano qualcosa più delle altre. I campani sono allenati dal mio maestro, mentre gli ofantini sono allenati da un caro amico come Michele Pazienza. Credo che gli scontri diretti, alla fine, faranno la differenza».

Un pregio ed un difetto della squadra: «I pregi sono diversi. Ne dico uno: non molliamo mai, ho un gruppo unito che combatte. Il difetto è l'inesperienza, oltre al poco cinismo».

Sul prossimo impegno sul campo del Brindisi: «Mi aspetto una gara durissima. Per loro è quasi un'ultima spiaggia, sono molto attardati in classifica, e l'attuale squadre non è quella che soccombeva nelle prime partite. Da quando ci sono Dionisio e Di Costanzo c'è tutta un'altra mentalità; col mister abbiamo vinto il campionato di C con la Juve Stabia, lo conosco bene, la sua mano si vede e ci sarà da battagliare».