Carbonia, il presidente Canu a NC: «Tutti abbiamo 26 calciatori a disposizioni. Si usi parte dell'iscrizione per i tamponi»

16.11.2020 17:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Carbonia, il presidente Canu a NC: «Tutti abbiamo 26 calciatori a disposizioni. Si usi parte dell'iscrizione per i tamponi»

La Lega Nazionale Dilettanti ha scelto: la serie D si ferma per permettere di recuperare buona parte delle oltre 100 partite non disputate finora. La redazione di notiziariocalcio.com ha deciso di sentire il parere di quanti più addetti ai lavori possibile.

Oggi è il turno di Stefano Canu, presidente del Carbonia: «Penso che non ci fosse altra strada che quella intrapresa da parte della LND. C'erano troppi rinvii, si è sospeso il campionato e pensato di utilizzare questo periodo per recuperare qualche gara; noi dovevamo farne due, una è saltata, ma già recuperarne qualcuna è già importante. Certo è che, giocare una volta al mese, non è la migliore delle strade. In Sardegna, ad esempio, neanche le amichevoli si possono fare, quindi diventa molto problematico; se tutto va bene, noi dovremmo partire il 29 con la gara contro il Nola, ma c'è tanta incertezza. Inutile, però, prendersela con qualcuno: in questo momento non si poteva fare diversamente, purtroppo le gare da recuperare continuano ad essere tante. Se non si cambia il protocollo sanitario, è dura andare avanti; noi abbiamo avuto dei casi di positività, ma entrambi a calciatori infortunati, quindi non hanno potuto infettare il gruppo squadra. Se anche fosse stato diversamente, con un protocollo come quelli dei professionisti, si poteva comunque giocare, tanto tutti abbiamo 26 calciatori a disposizione. Le spese? Tutti noi abbiamo pagato l'iscrizione, in buona parte fideiussione: si potrebbe rimettere a disposizione dei club per il costo dei tamponi».