Dolomiti Bellunesi, mister Lauria a NC: «Perso con le più forti, il nostro è un percorso normale»

16.11.2021 12:30 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Dolomiti Bellunesi, mister Lauria a NC: «Perso con le più forti, il nostro è un percorso normale»

Il campionato di serie D sta entrando nel vivo e, come di consueto, la redazione di notiziariocalcio.com cerca di dar voce al campionato che, più di tutti, comprende l'Italia intera.

Il protagonista di quest'intervista è Renato Lauria, allenatore della Dolomiti Bellunesi, il quale ci ha cordialmente concesso una chiacchierata, partita dal momento che sta vivendo la sua squadra: «La nostra è una squadra nata da una fusione importante, abbiamo fatto un cammino finora chiaro: abbiamo perso contro le squadre che, al momento, sono in alto ed hanno rose più competitive ed abbiamo conquistato punti che ci permettono di stare a metà classifica. Siamo il secondo miglior attacco, ma naturalmente dobbiamo lavorare di più sulla fase difensiva; a volte abbiamo subìto rete da situazione individuali e non va bene. Potevamo sì fare qualcosa in più, ma credo che, visto il contesto, siamo sulla normale strada».

Sul girone: «Molto equilibrato: se si guarda la classifica, siamo a due punti sia dai playoff che dai playout. Ogni week-end ci sono risultati sorprendenti, tutte le gare sono complicate per tutti. Le più forti? Per quello che stanno facendo, dico Arzignano e Union Clodiense sopra tutte, poi Luparense, Cjarlins Muzane ed Adriese».

Un pregio ed un difetto della squadra: «Il pregio è che abbiamo una forte anima: nelle prime gare, infatti, abbiamo sempre rimontato dopo aver steccato p i primi minuti. Dobbiamo, invece, migliorare alcuni dettaglia che, finora, hanno fatto la differenza in negativo».

Sul prossimo impegno contro il Montebelluna: «Credo che sarà un match bello da vedere, la giocheremo a viso aperto. Entrambe le squadre vorranno portare a casa la vittoria, si affrontano due attacchi prolifici e bisognerà stare attenti per poter portare punti a casa».