Legnano, mister Sgrò a NC: «Ci manca il miglior Gasparri, ma sono sicuro che verrà fuori»

10.11.2021 16:30 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Legnano, mister Sgrò a NC: «Ci manca il miglior Gasparri, ma sono sicuro che verrà fuori»

Il campionato di serie D sta entrando nel vivo e, come di consueto, la redazione di notiziariocalcio.com cerca di dar voce al campionato che, più di tutti, comprende l'Italia intera.

Il protagonista di quest'intervista è Marco Sgrò, allenatore del Legnano, il quale ci ha cordialmente concesso una chiacchierata, partita dal momento che sta vivendo la sua squadra: «Abbiamo disputato 10 partite, quattro vittorie, due pareggi e quattro sconfitte: secondo me si poteva fare qualcosa in più, anche se, dal punto di vista del gioco, non posso rimproverare nulla alla squadra. Abbiamo sbagliato finora soltanto la gara col Breno, altre no; nell'ultima Domenica col Desenzano, ad esempio, non abbiamo demeritato, contro una squadra candidata alla vittoria finale. Mi aspetto magari di perdere qualche gara in meno, sperando di aver il miglior Gasparri che finora ci è mancato: parliamo di un calciatore importanti, sono sicuro che verrà fuori».

Sul girone: «Rispetto al girone A dell'anno scorso, ci siamo subito accorti che si tratta di un gruppo più complicato. Ho cercato di farlo capire al direttore ed al presidente e mi hanno dato ragione; tutte le squadre che facevano il girone A lo scorso anno, hanno capito che la musica quest'anno era diversa: non ci sono gare facili, tutte possono perdere con tutte. Le più forti? Ci sono tre davanti a tutte: Sangiuliano, Desenzano Calvina e Casatese, poi bisogna capire se l'Arconatese tiene il passo, subito dopo ci sono Virtus CiseranoBergamo e Breno».

Un pregio ed un difetto della squadra: «Siamo molto giovani, questo è sia un pregio che un difetto. Ho sei "vecchi" sui 20 calciatori a disposizione; parliamo di giovani bravi, giocheranno sempre da titolari in futuro, ma stanno imparando adesso ed alternano grandi gara a prestazioni opache, manca la continuità».

Sul prossimo impegno in casa contro la Castellanzese: «Si tratta di un derby, siamo davvero vicinissimi: ci tengono molto entrambi i presidenti, può succedere di tutto. Se li avessimo incontrati qualche settimana fa sarebbe stato meglio, ora stanno bene ma non c'è nulla di scontato in queste gare».