Luparense, il presidente Zarattini a NC: «Senza la coppa c'è meno spettacolo. C'è già poca visibilità...»

12.09.2020 14:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Luparense, il presidente Zarattini a NC: «Senza la coppa c'è meno spettacolo. C'è già poca visibilità...»

Anche quest'anno la Luparense si appresta ad essere tra le protagoniste del campionato di calcio di serie D. Per capire quali sono le aspettative del club, abbiamo intervistato il presidente Stefano Zarattini: «Mi piacerebbe sapere quando giochiamo e contro chi. Ci alleniamo da due mesi, oggi l'entusiasmo della società è al minimo; siamo davvero stanchi, prima di iniziare. Vogliamo fare bene, abbiamo allestito una rosa competitiva. Ci sono corazzate importanti che potremmo affrontare, tipo Trento, Adriese, Cjarlins Muzane, Arzignano, loro si giocheranno il campionato. Noi vogliamo essere una mina vagante, vogliamo dare fastidio, ma non possiamo essere tra le prime favorite».

Sul mercato: «Abbiamo delle situazioni in uscita che stiamo chiudendo. Come obiettivo in entrata c'è una punta, ma dobbiamo prima portare a termine le cessioni. Finora ho visto una squadra in salute, che lotta, potremmo stare bene anche così. Al massimo faremo dei piccoli miglioramenti, con calma. In generale, credo che il calciomercato oggi sia molto fermo, un po' in tutte le categorie».

Il protocollo: «Le difficoltà logistiche ci sono ma oggi bisogna fare i conti con una pandemia che non è ancora finita. Dispiace che non ci siano i tifosi, che sono la parte più importante dello sport. Speriamo si sistemino le cose il prima possibile, dobbiamo tener presente che si tratta di un momento difficile per tutti, e lo sport, in particolare il calcio, può aiutarci in tal senso».

Sulla decisione di annullare la Coppa Italia di D: «Si faranno meno partite ufficiali, meno partite, meno spettacolo. Già la serie D non ha tantissima visibilità, non credo che i presidenti siano d'accordo. Avrei magari spostato l'inizio, ma non annullata, perché si perdono partite, meno visibilità anche per gli sponsor. Io vengo da un mondo in cui la coppa Italia è seguitissima, si arriva ad una final eight molto seguita».