Mestre, il ds Busolin a NC: «Contenti della nostra classifica, a Chioggia a viso aperto»

13.04.2021 15:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Mestre, il ds Busolin a NC: «Contenti della nostra classifica, a Chioggia a viso aperto»

La serie D entra nel vivo. Il quarto campionato d'Italia sta vivendo la sua fase cruciale, con le gare che diventano sempre più importanti. Per questo motivo, la redazione di notiziariocalcio.com, sta intervistando esponenti delle società coinvolte in questo finale di stagione. Il protagonista odierno è Enrico Busolin, direttore sportivo del Mestre: «Sono contento di quanto è stato fatto finora, credo che anche la società lo sia. Siamo una squadra giovane, la terza del girone in questa speciale classifica, quindi siamo contenti dell'attuale classifica. Abbiamo passato due mesi di emergenza per una serie di infortuni, ma da un paio di partite a questa parte abbiamo recuperato quasi tutti i calciatori e, dopo il bel pareggio di Trento e la vittoria di Domenica col Belluno, ci aspettiamo un buon finale di campionato».

Mercoledì scontro importante a Chioggia: «L'Union Clodiense, a partire del mister che sa cosa vuol dire stare in vetta, ha 12-13 calciatori over importanti. Compagine studiata ed attrezzata per stare in alto; noi andremo lì a viso aperto, come sempre, su un campo difficile. Credo che loro, insieme al Trento, sono le compagini che hanno fatto più punti in casa. Se andiamo col piglio giusto, possiamo fare una buona prestazione».

Sul girone C e la lotta promozione: «Il Trento è la più attrezzata senza dubbio; la Manzanese stava dando più di un fastidio, ma non hanno mai approfittato dei passi falsi della capolista. Leggo che gli orange stanno facendo delle ottime prestazioni, senza raccogliere il dovuto, ma sono cose che capitano; anche noi, nelle ultime gare casalinghe, abbiamo giocato particolarmente bene, senza raccogliere quanto avremmo meritato. Delusioni? Vedere il Campodarsego lì giù fa un certo effetto, dopo che, negli ultimi anni, sono stati sempre avanti. Il Delta era giù ma, con le ultime due vittorie, si è portato avanti ed hanno ancora da recuperare».

Sulla decisione della LND di fermare il campionato per disputare i recuperi: «Da un certo punto di vista, un po' li capisco: anche se, nonostante tutti questi rinvii, il campionato è falsato, ma è necessario che le ultime gare vadano fatte in contemporanea. Ho paura che il campionato si blocchi per almeno 15 giorni, e non sono pochi...».