Real Forte Querceta, mister Amoroso a NC: «Sarà dura finire il campionato, quando giocheremo?!»

09.04.2021 09:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Real Forte Querceta, mister Amoroso a NC: «Sarà dura finire il campionato, quando giocheremo?!»

La serie D entra nel vivo. Il quarto campionato d'Italia sta vivendo la sua fase cruciale, con le gare che diventano sempre più importanti. Per questo motivo, la redazione di notiziariocalcio.com, sta intervistando esponenti delle società coinvolte in questo finale di stagione. Il protagonista odierno è Cristian Amoroso, allenatore del Real Forte Querceta: «Guardando la classifica, adesso siamo più che soddisfatti. Come tanti, abbiamo fatto fatica a ripartire dopo lo stop della scorso anno, con un budget ridimensionato e sapevamo di andare incontro a delle difficoltà. Siamo riusciti ad inanellare dei risultati importanti nell'ultimo periodo e ci siamo ripresi, ma la corsa alla salvezza sarà ancora dura».

Sul girone D e la lotta promozione: «Il gruppo è ed è stato difficile, senza gare scontate, anzi: a volte ci sono stati dei testa coda imprevedibili da pronosticare. Anche chi è in difficoltà è organizzato; è un girone diverso rispetto a quello toscano ed a quello del girone A, si gioca più a calcio e c'è meno fisicità, con più qualità. Ci siamo trovati abbastanza bene, se non altro ci siamo sempre divertiti...».

Sulla decisione della LND di fermare il campionato per disputare i recuperi: «Secondo me sarà dura finire il campionato: se continuiamo con questo protocollo, bisogna solo sperare che il covid sparisca, già ora sulla carta si arriva all'8 giugno, fermando il campionato dove arriviam? C'è da capire, soprattutto, quando le partite si possono recuperare; le ultime 3-4 vanno giocate in contemporanea, la vedo dura ma spero si riesca ad arrivare fino alla fine».

La squadra ed il calciatore che lo hanno impressionato: «Per la squadra, dico il Lentigione: ha quacosa in più delle altre, tipo del Fiorenzuola, una squadra schematica che lavora bene sulla preparazione della partita, mentre il Lentigione è più imprevedibile ed ha un ritmo importante, nonostante i nomi più importanti ce li abbia l'Aglianese. Per il calciatore, chiaramente c'è Bruschi che sta facendo un campionato importante, ma anche il Lentigione ha gente come Barranca, Caprioni; il Fiorenzuola ha Stronati, ce ne sono tanti».