Rimini parla l'ex Fall: " Con Nicastro state tranquilli!"

L'ex attaccante del Rimini raggiunto telefonicamente rassicura la tifoseria riminese.
17.07.2019 11:43 di Daniele Manuelli   Vedi letture
Ameth Fall in azione
Ameth Fall in azione

In un calcio dove la parola “programmazione” è un dogma abusato, Il Rimini attuale sta cercando di attribuire un valore pieno a questo termine. Oggi “provarci” è un vero e proprio imperativo, un obbligo da assolvere. Presto, subito. L’ideale sarebbe prima di subito se si potesse. Bisogna arrivarci là in fondo, la storia e il presente lo impongono, perché il club può appuntarsi anche sul petto il decimo scudetto consecutivo della sfortuna, ma quello è un accessorio, un gadget che a Rimini è diventato una moda in campo calcistico, fornito ai propri tifosi senza chiedere niente in cambio.

L’estate del 2019 entrerà di diritto  nella storia di questo club ultracentenario. La situazione  e lo stato attuale delle cose porta a una confusione generale dettata dal presidente Grassi. Questa storia dell’adattamento all’atmosfera calcistica va chiarita e illustrata. Fama, meriti, preparazione e risultati potevano contare fino a un certo punto, assicurare un cuscinetto di benevolenza e simpatia, a cui hanno contribuito l’atteggiamento e l’aria di un personaggio atipico. Oltre una certa soglia, però, dovevano cominciare ad arrivare i fatti, e questo periodo estivo da quel punto di vista è stato finora travolgente con l’ingresso in campo di Nicastro e del suo consulente di fiducia Penta.

Dopo aver appreso dell’ingresso in campo dell’imprenditore Nicastro, raggiungiamo telefonicamente una vecchia conoscenza del calcio riminese (Ameth Fall)  che è stato protagonista con la maglia del Como durante la  gestione Nicastro.

Ameth dall’altra parte del telefono ci travolge con la sua simpatia che da sempre lo contraddistingue.

Ameth dopo l’approdo a Rimini di Nicastro c’è molto scetticismo attorno a questo nome. Tu sei stato un giocatore che a Como ha vissuto la gestione Nicastro cosa puoi dire sul suo conto?

“Ho conosciuto Massimo Nicastro nella mia esperienza a Como dove deteneva il 50% della proprietà. E’ un imprenditore onesto e corretto. E’ una persona che ritengo molto competente nel suo lavoro, distinta e professionale. Ho sempre visto Nicastro come una persona ambiziosa con importanti progetti. Lo definirei un grande lavoratore”.

 I tifosi del Rimini quindi possono fidarsi?

”Assolutamente sì!”.