Team Altamura, Angelo Continisio a NC: «Dimostrato a Cerignola che abbiamo qualità. Siamo tornati sul mercato»

13.10.2021 09:30 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Team Altamura, Angelo Continisio a NC: «Dimostrato a Cerignola che abbiamo qualità. Siamo tornati sul mercato»

Il campionato di serie D è iniziato e, come di consueto, la redazione di notiziariocalcio.com cerca di dar voce al campionato che, più di tutti, comprende l'Italia intera.

Il protagonista di quest'intervista è Angelo Continisio, dirigente del Team Altamura, il quale ci ha cordialmente concesso una chiacchierata, partita da quelle che sono le ambizioni che accompagnano quest'anno la squadra: «Noi partiamo sempre con gli stessi obiettivi: migliorarci anno per anno, sia in campo che a livello societario, sono sette anni che siamo qui e la pensiamo allo stesso modo. Sempre stati nella parte sinistra della classifica, ma vogliamo migliorare per strutturarci e provare a fare il salto di qualità nel momento giusto. Quest'anno abbiamo steccato le prime tre gare rispetto al passato, ma siamo fiduciosi per il futuro, Domenica a Cerignola abbiamo dimostrato che le qualità non ci mancano».

Sul girone: «Come in tutti gli anni è sempre lo stesso: non c'è un'ammazzacampionato, hanno vinto sempre le squadre partite in sordine, penso a Taranto e Picerno degli ultimi due anni. Bisogna lottare fino alla fine, poi tra le più competitive uscirà la vincente. Le mie favorite? Se l'Altamura vince col Cerignola, ci siamo anche noi (ride, ndr). Sulla carta Cerignola e Casertana sono avanti a tutte, ma è un discorso da ampliare a 4-5 squadre, poi dopo c'è un gruppone in cui regna l'equilibrio».

Mercato chiuso? «No, siamo di nuovo sul mercato perché abbiamo bisogno di due calciatori over d'esperienza: questo dimostra che vogliamo migliorarci. Ci servirebbe un difensore centrale, è la priorità, e poi un esterno sinistro».

Sul prossimo impegno in casa contro la Mariglianese: «Vogliamo fare di tutto per trovare la prima vittoria casalinga, finora abbiamo sempre in perso: c'è da vincere, senza se e senza ma».