Vado, il presidente Tarabotto a NC: "Folle giocare, non mi importa retrocedere"

03.04.2020 09:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com   Vedi letture
Vado, il presidente Tarabotto a NC: "Folle giocare, non mi importa retrocedere"

Il Vado è in piena lotta salvezza nel girone A di serie D: 24 punti in classifica, 1 in più sul Verbania penultimo (che, però, ha una gara da recuperare) e a tre punti dalla salvezza diretta. Chiaro, dunque, che ai liguri interessino molto gli eventi futuri. Per tale motivo, abbiamo contattato il presidente Franco Tarabotto, il quale ci ha cordialmente concesso un'intervista telefonica: "Speravo di fare un campionato migliore, ci troviamo in una posizione non comoda, poiché siamo terz'ultimi. Siamo una neopromossa, forse ho sbagliato qualcosa nella campagna acquisti ed in altri fattori. Il nostro è sempre stato un andamento altalenante. Nelle prime partite abbiamo fatto un bel calcio, ma ci hanno bastonati: bellissimi da vedere, ma poi le altre squadre, più di categoria, prendevano il sopravvento. La cosa, però, non mi turba più di tanto: se avessimo finito il campionato, avremmo dato tutto per salvarci".

Sul futuro della stagione 2019-2020: "Sono molto esplicito: è folle pensare di voler tornare in campo.Nel campionato di serie D ci sono anche calciatori che lavorano; poi siamo fermi due mesi, come si torna in campo? Poi, un'altra cosa: non bisogna essere dei medici per avere buon senso. Chi può dire che, da quando ci sono poche contaminazioni, è tutto finito? Ci può essere un virus di ritorno, che scatenerebbe un'altra situazione tragica. Se qualcuno mi dà la certezza, ok, altrimenti io non mando a giocare i miei ragazzi. La serie A è una cosa, la D tutta un'altra, non si possono fare paragoni. Promozione e retrocessioni? Facciano come vogliono, posso anche retrocedere in Eccellenza: non parlo per interesse, devono decidere con buon senso. Le società di calcio vanno aiutate, i calciatori non possono perdere tutto. Bisognerebbe fare in modo di sviluppare meglio l'attività sportiva, credo sia qualcosa di fondamentale dal punto di vista sociale".

Tarabotto conclude: "Ho preso il Vado nel 2013-2014, mi ci sono appassionato, aveva tanti debiti. Ho speso oltre 700 mila euro per fare due campi sintetici, mi sono rifatto il circolo pagando 300 mila euro, e sto ancora pagando i debiti. Ho una struttura fantastica, stare in Serie D o in Eccellenza non fa differenza. Vivo di sponsorizzazioni che mi dà la Saar depositi portuali, che fa parte del gruppo Costa, ed altre società collegate, perché l'interesse del dottor Costa è quello di sviluppare il settore giovanile. Abbiamo 350 ragazzi, ho la più bella struttura della Liguria, posso andare avanti tranquillamente".