Serie D, manca l'ufficialità sui club in soprannumero ma la Coppa mette in fuorigioco la LND

06.08.2019 20:00 di Davide Guardabascio   Vedi letture
Serie D, manca l'ufficialità sui club in soprannumero ma la Coppa mette in fuorigioco la LND

Come spesso accade, una delle cose che più lascia a desiderare è la comunicazione da parte delle istituzioni calcistiche. Va detto che la Lega Nazionale Dilettanti negli ultimi anni ha fatto passi da gigante rispetto al passato su questo punto. Eppure, ancora ci si perde in dettagli tuttavia molto importanti.

Non c'è stata ancora alcuna ufficializzazione, nessun comunicato ufficiale, circa la composizione dei gironi e la partecipazione dei club in soprannumero al prossimo campionato di Serie D, eppure la stessa LND oggi ha ufficializzato il turno preliminare della Coppa Italia di Serie D ed in questo oltre alle aventi diritto troviamo Palermo, Arzachena, Lucchese e Foggia che ufficialmente non sono ancora state annunciate come partecipanti al prossimo massimo campionato dilettantistico nazionale.

Una svista, una gaffè? No, semplicemente un errore di comunicazione dovuto anche alla situazione contingente creatasi con la riammissione del Cerignola in Serie C che ha spiazzato i vertici di Piazzale Flaminio sicuri che oggi avrebbero potuto già comunicare la composizione dei gironi di Serie D a cui, da tempo immemore, fa seguito, appunto, l'ufficializzazione del turno preliminare della Coppa Italia di Serie D.

Stavolta, invece, si è deciso di procedere con la sola ufficializzazione della manifestazione tricolore dilettantistica anche se la stessa Lega Nazionale Dilettanti ha fatto sapere che "per quanto riguarda il campionato, i gironi saranno ufficializzati nei prossimi giorni una volta definito l’organico delle squadre partecipanti alla Serie D 2019/2020". E su questo punto ci sarebbe tanto da dire. Sì perchè è davvero improbabile che nei "prossimi giorni" si possa avere certezza sull'organico delle partecipanti alla prossima Serie D visto che se la Figc e la Lega Pro, come già annunciato, faranno ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio il caso del Cerignola saremo fortunati se la decisione sulla sospensiva arrivi prima di ferragosto. Figurarsi poi la decisione nel merito. Gestire questa patata bollente non è compito semplice e la LND non ne (questa volta) colpe. Però, almeno nella comunicazione si potrebbe essere più chiari ed ammettere che la situazione è quella che tutti conosciamo e l'unica cosa che ad oggi si può fare è procedere alla composizione dei gironi senza il Cerignola e con il ripescaggio della Sinalunghese. E poi, nella malaugurata ipotesi che il TAR dia ragione a FIGC e Lega Pro, prepararsi a riscrivere almeno il calendario di un girone, presumibilmente quello H, reinserendo i pugliesi. Fosse possibile attendere sarebbe, naturalmente, la cosa migliore ma ciò significherebbe rischiare di partire con settimane di ritardo sull'attuale tabella di marcia.