La grande sfida è alle porte: l'Arcetana ospita la Pieve Nonantola

10.11.2018 22:30 di Ermanno Marino  articolo letto 31 volte
La grande sfida è alle porte: l'Arcetana ospita la Pieve Nonantola

Facile a dirsi, molto meno a farsi: tuttavia, l'Arcetana ha davanti a sè la ghiotta occasione di tornare al 1° posto nel girone B di Promozione. Domenica, al "Comunale" di via Caraffa, i nostri beniamini riceveranno nientemeno che la capolista Pieve Nonantola: la sfida, valevole per la 12esima giornata, avrà inizio al consueto orario delle 14,30. I blugranata, allenati da Simone Lodi, sono al comando della graduatoria con 24 punti fin qui raccolti: i biancoverdi sono invece secondi a quota 21, e dunque una vittoria permetterebbe di agganciare in vetta proprio i modenesi. Di certo l'Arcetana cercherà un successo per motivi che vanno anche al di là del semplice aspetto sportivo: un'eventuale affermazione sarà senz'altro dedicata a Roberto Branchetti, lo storico e infaticabile dirigente biancoverde scomparso in settimana all'età di 56 anni.

"Innanzitutto, credo che il successo di domenica scorsa non vada affatto sminuito - spiega Gabriele Giaroli, preparatore dei portieri dell'Arcetana - Nel mio lungo percorso calcistico, non ho mai visto partite che fossero semplici o già scritte in partenza. Inoltre cinque giorni fa abbiamo affrontato la cenerentola Maranello, e i confronti con l'ultima della classe sono spesso i più complessi da affrontare: abbiamo dovuto fare i conti con la ferrea volontà di riscatto degli avversari, e per giunta si è giocato su un terreno ai limiti della praticabilità dove era davvero difficile esprimersi in modo efficace. I tre punti ci hanno permesso di prepararci con rinnovato slancio all'impegno di domani - rimarca Giaroli - Inoltre, considerando che provenivamo dall'amaro stop casalingo contro la Casalgrandese, il successo di Maranello assume un significato di ulteriore rilievo".

Sempre a proposito del blitz in terra modenese, sùbito dopo la partita mister Vullo ha sottolineato le difficoltà dell'Arcetana nel chiudere i conti ben prima del 90'. "E' vero che potevamo segnare il terzo gol, che ci avrebbe permesso di vivere il secondo tempo con maggiore tranquillità - ammette Giaroli - D'altro canto, va anche detto che stiamo vivendo un girone B di Promozione fortemente livellato. Questo raggruppamento è contraddistinto da molti pareggi, e da tante vittorie con un solo gol di scarto: sono dati significativi, che la dicono senz'altro lunga sul grande equilibrio che regna al di là della situazione di classifica".

La squalifica di Vullo è terminata, e quindi il trainer dell'Arcetana potrà nuovamente accomodarsi sulla panchina biancoverde: inoltre, i padroni di casa si presenteranno con un organico quasi al completo. "Mancherà ancora Lorenzo Torelli, che si trova in viaggio di nozze - ricorda Giaroli - Inoltre saremo di nuovo privi di Maurizio Pè, che ne avrà ancora per circa un mese. In questo caso, non abbiamo alcun interesse a forzare troppo i tempi del suo rientro: innanzitutto vogliamo favorire un suo pieno recupero, e poi adesso a difendere la nostra porta c'è un Cortenova che sta dimostrando grande affidabilità pur essendo molto giovane".

Il preparatore dei portieri anticipa poi i principali motivi tecnico-agonistici che caratterizzeranno la sfida con i blugranata: "Quando la seconda e la prima in classifica si affrontano, in genere non nascono mai partite così belle da vedere. Tuttavia c'è da prevedere un sfida intensa e molto combattuta: proprio per questo, si profila un duello che merita di essere seguito da una folta cornice di pubblico. I tre punti in palio sono importantissimi, ma non ancora decisivi: comunque vada il campionato resta ancora lungo, e dunque bisogna ricordare che il confronto di domani non darà luogo a sentenze definitive. Per quanto ci riguarda - sottolinea Giaroli - l'obiettivo primario dovrà essere quello di portare avanti con forza e convinzione la nostra idea di calcio, senza farci influenzare eccessivamente dalle caratteristiche degli avversari. Quest'Arcetana ha i numeri per portare avanti un percorso di valore, sia sotto l'aspetto delle cifre sia per quanto riguarda la qualità del gioco: la preparazione alla partita si è svolta con determinazione mista a serenità, perchè per noi la contesa con la Pieve rappresenta una formidabile e imperdibile vetrina".