Alessandria, mister Gregucci: «La Pro Vercelli ha identità precisa, non facciamo regali...»

28.11.2020 22:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: grigionline
Alessandria, mister Gregucci: «La Pro Vercelli ha identità precisa, non facciamo regali...»

Vigilia della gara della 13^ giornata tra Alessandria e Pro Vercelli. Si tratta, comunque, di un big match, ma non è uno scontro al vertice perché i grigi finora non hanno confermato il pronostico che li voleva favoriti, mentre i bianchi, che comandano la classifica, sono invece andati forse oltre le attese. Per presentare l’incontro il tecnico dei grigi Angelo Gregucci ha incontrato la stampa in videoconferenza.

“Per noi sarà una partita importante e difficile, la Pro Vercelli sta facendo un buon campionato. Ma sono convinto che domani la mia squadra sarà pronta. Ci sarà da battagliare, da leggere situazioni, ma sono fiducioso. In settimana abbiamo lavorato sulla testa e sul fisico, bisognerà ragionare e correre e, soprattutto non fare regali. Loro hanno una precisa identità, giocano un calcio intenso, attaccano alti ed hanno legittimato così quello che hanno fatto. Di sicuro ci imporranno una gara attenta, solida”.

Uno dei punti di forza della Pro Vercelli è il trio d’attacco. “La nostra fase difensiva dovrà essere scrupolosa, dovremo contrapporci in maniera importante. Se i loro attaccanti hanno fatto tanti gol vuol dire che la squadra li ha serviti, perciò la nostra fase difensiva dovrà partire dai nostri attaccanti. Sarà importante l’atteggiamento di tutta la squadra. A parte gli infortunati (Frediani, Gazzi e Corazza, n.d.r.) e lo squalificato(Blondett, n.d.r.) sono tutti a disposizione”.

“Le gare di campionato sono tutte difficili – ha proseguito Gregucci rispondendo alle domande – in ogni partita ci sono tre punti in palio e bisogna essere sempre in grado di prenderli. Dobbiamo ridurre il gap, ma neanche vincendo quattro di fila poi ci si può permettere di sbagliare. Un atleta mentalizzato ha una visone sempre concentrata su quello che deve fare. Il risultato, talvolta, è condizionato dagli episodi. Ma non dobbiamo consegnarci a questi. Dovremo cercare di fare una partita propositiva, anche se l’avversario è sempre da considerare”.