Carrarese, Di Natale: «È un campionato molto equilibrato. Lo dice un dato»

03.12.2021 09:15 di Massimo Poerio   vedi letture
Carrarese, Di Natale: «È un campionato molto equilibrato. Lo dice un dato»

Torna a parlare Antonio Di Natale che mette nel mirino la sfida che attende la sua Carrarese contro la Lucchese. Queste le parole dell'allenatore: "La partita contro il Teramo ha segnato il nostro ritorno alla vittoria, quello che ci voleva dopo due pari consecutivi e lo abbiamo fatto soffrendo e poi giocando più in scioltezza con i tempi e i modi giusti, insomma con il carattere di una squadra che ragiona come tale. Adesso serve proseguire ed essere continui in prestazioni e risultati anche fuori casa abbandonando alternanza di rendimento e cancellando brutti passaggi a vuoto che privano di fiducia e sicurezza che sono essenziali per portare avanti un cammino proiettato a migliorare. Le squadre che si distinguono sono quelle che si dimostrano sul pezzo non per brevi periodi ma per più gare in successione, cinque o sei per intenderci, che possono sancire  la dimensione raggiungibile in campionato che dimostra di essere molto equilibrato se si pensa che ci sono dieci squadre raccolte in tre punti. In questo senso scalare e perdere posizioni è all'ordine del giorno senza la giusta continuità'".

L'ex bomber dell'Udinese prosegue: "L'occasione è ghiotta perché un derby non richiede particolari ricette a livello motivazionale e quindi mi aspetto una Carrarese che voglia subito cercare di giocare come è nelle sue corde attuali, ossia compatta dietro e piuttosto fluida davanti. Personalmente, la gara con la Lucchese ha un sapore particolare perché è stata esordio sulla panchina azzurra e nel professionismo in una partita che ha comportato grossa tensione in un momento della stagione dello scorso campionato. Oggi e da questo punto di vista è un'altra storia, i rossoneri rappresentano, ad ogni modo, uno scoglio non qualunque, frutto di un percorso assai positivo che la squadra di Pagliuca ha condotto e che riceve conferme, non ultima il punteggio di parità strappato all'Adriatico di Pescara. Tatticamente, i nostri avversari giocano con il rombo in mezzo al campo ed uniscono una bella dose di quantità nel senso di una certa  fisicità che esprime ritmo a  buone qualità tecniche  individuali e di organizzazione. Il ritorno di Bramante a pieno regime come quello di Doumbia possono darci una mano mentre Imperiale sarà fuori per il problema patito nell'ultima partita e dobbiamo valutare bene Giannetti che è in netto miglioramento ma non possiamo permetterci di rischiare. Comunque ci sono alcuni allenamenti che possono fornire risposte piu' attendibili su recupero e utilizzo di chi è in dubbio".