Catania, Sottil: "I tanti rinvii hanno influito. Anche tante partite vicine non aiutano ma..."

12.11.2018 20:45 di Anna Laura Giannini  articolo letto 63 volte
© Foto di Marco Pompeo
© Foto di Marco Pompeo

Raggiunto da TMW e RMC Sport a margine della Panchina d'Oro, Andrea Sottil, oggi allenatore del Catania ma la scorsa stagione alla guida del Livorno promosso in B commenta il terzo posto alle spalle di Liverani e Zanetti: "Sarebbe stato bello essere premiato, sarebbe stata una bella soddisfazione".

A Livorno c'è qualche problema. "È una società un po' particolare, con un presidente un po' particolare. L'anno scorso si poteva dare continuità, poi sono state fatte altre considerazioni. Mi dispiace".

Cosa rimane della sconfitta contro il Catanzaro? "Dalle sconfitte si impara sempre. Abbiamo perso in casa anche se il risultato è un po' bugiardo: potevamo riprendere la partita, non siamo stati all'altezza e ora dobbiamo riprendere la marcia".

Quanto pesano i tanti rinvii? "Ha influito, anche il fatto di giocare tante partite ravvicinate non aiuta. Però sappiamo che la situazione è questa".

Nel girone C la lotta è molto aperta, al di là dei pronostici. "È sempre il campo a determinare, al di là del blasone. L'obiettivo è migliorare i risultati".

Spinelli ha detto che potrebbe lasciare il Livorno. "Non penso. A volte ha delle sfuriate preso dall'umore del momento. Penso che voglia mantenere la squadra e cercare di salvarsi".

Da ex viola, come vede la Fiorentina? "Io penso che la Fiorentina sia allenata da un bravissimo allenatore, che saprà come superare un momento opaco. Non vedo una situazione drastica. Stefano (Pioli, ndr) troverà il modo per tornare ai tempi migliori".