Il Picerno proclama la sua estraneità ai fatti: «Nessuna combine col Bitonto»

13.08.2020 10:30 di Maria Lopez   Vedi letture
Il Picerno proclama la sua estraneità ai fatti: «Nessuna combine col Bitonto»

Il Picerno proclama la sua estraneità ai fatti del 5 maggio 2019. La società, dopo il deferimento ricevuto, si dichiara insomma innocente: per i rossoblù lucani non ci fu alcuna combine col Bitonto.

Ora la sfida però è con la Procura Federale che ritiene invece di avere sufficienti prove per dimostrare l'illecito. E se di illecito si tratta non si può che chiedersi perché un club che sin lì aveva fatto una grande stagione, avrebbe dovuto assicurarsi in maniera illecita un risultato quando fin lì il campionato di Serie D ne aveva certificata la superiorità. Ci si augura, per il bene di questo sport, che si dimostri che tale illecito non è mai accaduto, altrimenti sarà scritta una nuova e terrificante pagina del nostro sistema calcio e nessuno potrà scansarsi dalle responsabilità: ivi compresi i vertici federali.

La Az Picerno Srl, a seguito dell’atto di deferimento ricevuto in merito al procedimento che la vedrebbe coinvolta in una presunta combine nella partita disputatasi il 5 maggio 2019 contro il Bitonto, dichiarando la più totale estraneità ai fatti contestati, è certa di far valere la assoluta infondatezza delle accuse mosse dinnanzi agli Organi Competenti.

A tal fine, comunica che ai legali della società è stato altresì richiesto di agire in tutte le sedi ritenute opportune nei riguardi di chiunque riporti notizie false e tendenziose, volte esclusivamente a ledere l’immagine del Club.

La società, concentrata sulla nuova stagione sportiva, sta portando avanti ogni attività finalizzata al miglioramento organizzativo e tecnico della rosa per raggiungere obiettivi sempre più importanti.