Matelica, l’amarezza per il passivo pesante è mitigata da una buona notizia

22.10.2020 16:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Matelica, l’amarezza per il passivo pesante è mitigata da una buona notizia

Con un post sui suoi social la DG biancorossa Roberta Nocelli ha commentato a caldo la partita di ieri sera al Martelli di Mantova dove i ragazzi di Mister Colavitto si sono arresi ai locali di mister Troise con il punteggio di 5-2.

“Un risultato pesante oggi – ha dichiarato la Nocelli – ma le ferite fanno bene, soprattutto quelle profonde. Aiutano a capire che qua si lotta fino alla morte senza guardare in faccia a nessuno, senza sconti. Non siamo di certo una squadra che cerca alibi, quindi senza frignare più di tanto si volta pagina, se ne prende una bianca pronta per scrivere da subito la prossima partita. Forza ragazzi!”.
L’amarezza per il passivo pesante è però mitigata da una buona notizia in casa Matelica, con lo stadio Helvia Recina di Macerata che finalmente ha ricevuto tutte le necessarie autorizzazioni per riaprire le porte al pubblico domenica prossima per la sfida con l’Arezzo.

“Siamo contenti – le parole della DG – di poter tornare a ricevere il sostegno e il calore dei nostri tifosi che comunque anche negli scorsi mesi non hanno mai mancato di farci sentire il loro affetto e che negli scorsi anni ci erano vicini anche durante gli allenamenti. Speriamo che domenica i ragazzi scendano in campo come sanno, con il giusto atteggiamento, per riscattarsi prontamente e portare a casa un risultato positivo. Ieri abbiamo pagato carissimi alcuni minuti di black-out dopo che avevamo meritato il pareggio e siamo stati severamente puniti dai nostri avversari. Il calcio è anche questo, voltiamo pagina e pensiamo già al prossimo impegno”.

“Colgo l’occasione – ha concluso la Nocelli – per ringraziare tutte le autorità e le persone che in questi giorni hanno collaborato e si sono messe a disposizione per permetterci di compiere questo ulteriore passo importante nel nostro cammino in Serie C. Lo abbiamo ripetuto più volte, il calcio senza pubblico secondo noi era privato di una parte troppo importante della sua bellezza e del suo agone. Siamo felici per tutti quei tifosi biancorossi che domenica, in sicurezza e nel rispetto di tutte le normative sanitarie, potranno tornare a godersi e a sostenere i propri beniamini allo stadio. Saremmo ancora più contenti se riusciripagarli con una bella prestazione come i nostri ragazzi ci hanno abituato”.