Mendicino risponde a Romero: pari nel derby campano tra Juve Stabia e Paganese

29.11.2020 20:01 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: stabiachannel
Mendicino risponde a Romero: pari nel derby campano tra Juve Stabia e Paganese

Pari e tante emozioni in questo derby. Ma al Menti la Juve Stabia deve accontentarsi di un pareggio contro la Paganese di Erra, che esce soddisfatta del risultato, nonostante l'inferiorità numerica a causa dell'espulsione di Gaeta nella ripresa. Si decide tutto nel primo tempo: al quarto gol stagionale di Romero risponde Mendicino. Prima del fischio d’inizio è stato osservato un minuto di silenzio in memoria del leggendario Diego Armando Maradona, scomparso all’età di 60 anni in settimana. A centrocampo una maglia gialloblù con il numero 10.

La Cronaca:

Inizio primo tempo. Dopo due minuti di gioco la Paganese pressa e la difesa gialloblù si chiude nella propria area. Al 3’ Berardocco effettua un buon passaggio filtrante a favore di Orlando, l’attaccante segna, ma l’assistente alza la bandierina per la evidente posizione irregolare del giocatore. I gialloblù rispondono bene e tengono testa egregiamente alle azioni offensive degli azzurrostellati. Al 12’ Orlando prova a calciare in porta con il sinistro, Campani respinge, arriva Romero che insacca indisturbato in porta. Vespe in vantaggio grazie alla quarta rete stagionale dell’attaccante ex Cuneo. È il 49esimo gol in carriera. Al 21’ Berardocco serve in area con un passaggio il pallone a Romero, l’attaccante colpisce in pieno il palo. Clamorosa occasione per i padroni di casa. Ora i gialloblù dirigono il timone del match. Al 27’ cross da fermo di Scarpa, serve in area Diop, ma l’ex di turno non arriva di poco sulla sfera. Finora meglio le Vespe tatticamente, Paganese opta quasi sempre per la via del lancio lungo. Al 38’ gli azzurrostellati trovano il pari con Mendicino che, servito da Squillace dalla sinistra, insacca alle spalle di Tomei. Tutto da rifare al Menti: è il primo gol stagionale dell’attaccante ospite. Pericolo ancora non scampato per i gialloblù: Codromaz non riesce a tenere Diop che tutto solo davanti a Tomei calcia con il destro, pallone che finisce abbondantemente alto sopra la traversa. Al 42’ insiste la Paganese: cross dalla sinistra, Carotenuto manca di un millimetro il gol del vantaggio. Senza entità di recupero, Longo manda le squadre negli spogliatoi.

Comincia il secondo tempo. Al 3’ Berardocco, su punizione dalla fascia, batte direttamente in porta, Campani è costretto a rifugiarsi in angolo. Baricentro alto della Juve Stabia, brava la Paganese nelle ripartenze. Al 12’ viene servito Scarpa che prova un sinistro a giro dalla distanza, il tiro finisce sull’esterno della rete.

Gli azzurrostellati non pressano tanto, preferiscono lasciar manovrare il gioco dei gialloblù ed essere pronti in caso di ripartenze. La gara è proiettata verso minuti finali che si prospettano intensi. Le squadre non riescono a trovare un varco, ma sicuramente meglio la Paganese in questa ripresa rispetto alla Juve Stabia. 33’: è il momento tanto atteso dell’ingresso in campo di Francesco Ripa. Al 35’ Guadagni è tutto solo davanti al portiere, Tomei interviene in maniera provvidenziale con i piedi per evitare la beffa. Protestano i giocatori gialloblù per un presunto fuorigioco. Dopo un minuto Paganese in 10 per l’espulsione di Gaeta. Tante le proteste dalla panchina ospite. Gli azzurrostellati non voglio perdere di vista l’obiettivo pareggio e dunque allungano il più possibile il pallone. Al 44’ contropiede della Paganese, Diop preferisce fare da solo calcia di destro, pallone che finisce di poco alto sopra la traversa. Il quarto uomo segnala che ci saranno 5 minuti di recupero. Finale al cardiopalma: all’ultimo secondo Codromaz salta di testa e colpisce il palo. Finale con il brivido: Vespe sicuramente sfortunate, ma sprecone e talvolta imprecise non riesco a sfruttare la superiorità numerica negli ultimi 10 minuti di gara. Punto prezioso per la Paganese che sale a 12 in classifica. I gialloblù rimangono fermi nella zona play-off a quota 18.

Il Tabellino: 

Juve Stabia (4-3-3): Tomei, Rizzo (Mulè 33’s.t.), Allievi, Codromaz, Garattoni, Mastalli (K) (Ripa 33’s.t.), Berardocco, Scaccabarozzi (Vallocchia 26’s.t.), Bentivegna (Golfo 1’s.t.), Romero, Orlando (Bubas 26’s.t.). A disp.: Lazzari, Russo, Lia, Mulè, Bovo, Guarracino, Ripa, Vallocchia, Golfo, Volpicelli, Bubas, Oliva. All.: P.Padalino

Paganese (3-5-2): Campani, Cigagna, Schiavino, Sirignano (Perazzolo 45’s.t.), Carotenuto (Mattia 25’s.t.), Onescu, Gaeta, Scarpa (K), Squillace, Diop, Mendicino (Guadagni 31’s.t.). A disp.: Bovenzi, Fasan, Esposito, Mattia, Bramati, Perazzolo, Di Palma, Costagliola, Criscuolo, Cesaretti, Guadagni, Curci. All.: A. Erra

Arbitro: Federico Longo di Paola

Assistenti: Gianluca Matera ed Edoardo Filippo Cleopazzo di Lecce

IV Ufficiale: Luca Angelucci di Foligno

Ammoniti: Garattoni (JS), Campani (P), Berardocco (JS), Diop (P), Carotenuto (P), Scaccabarozzi (JS), Gaeta (P), Guadagni (P)

Espulso: Gaeta (P) per doppia ammonizione

Marcatori: Romero (JS) 12’p.t., Mendicino (P) 38’p.t.

Angoli: 5-4