Perugia, mister Caserta: «Per domani sono tranquillo e so che la squadra farà una grande prestazione»

26.02.2021 19:45 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Perugia, mister Caserta: «Per domani sono tranquillo e so che la squadra farà una grande prestazione»

Il Perugia domani pomeriggio sarà di scena contro il Modena. A presentare la sfida è stato il tecnico Fabio Caserta ascoltato da Umbria Radio.

Queste le sue parole come riportate da perugia24.net: «Il calendario? La risposta è scontata, bisogna ragionare partita dopo partita. Dobbiamo pensare a domani perché affronteremo una squadra molto forte che sta facendo un campionato come il nostro. Se pensiamo al mese che ci aspetta ci può venire solo il mal di testa. Ho tutta la rosa a disposizione per cui ho più di un dubbio. Valuteremo prima della partita in base anche alle caratteristiche che vorremo dare al gioco. Rispetto all’andata è cambiato molto. Ora giochiamo con una mentalità diversa e anche con un modulo differente. La partita sarà difficile come quella di Modena dove siamo stati bravi a sfruttare le occasioni. anche domani dovremo essere cinici. Bianchimano è un titolare come gli altri. Ha dimostrato di poter dare una mano alla squadra. Ho dubbi anche in attacco e devo valutare pensando anche a chi poter inserire nel corso della partita. Al di là del risultato finale di domani, in queste partite non c’è bisogno di chiedere attenzione e concentrazione. Un allenatore secondo me in queste situazioni deve parlare poco per non caricare troppo. Invece in altre partite, non di cartello, magari c’è bisogno di richiamate l’attenzione. Per domani invece sono tranquillo e so che la squadra farà una grande prestazione. Non credo al turnover. Se un giocatore fa bene per 2 o 3 partite non vedo perché devo cambiare. Dare continuità alla squadra ti può dare solo dei vantaggi. Il mio obiettivo è far sentire comunque tutti importanti anche perché ciò che conta sono anche le scelte durante la gara. Ad esempio con la Juve Stabia abbiamo vinto il campionato per il grande contributo della panchina, in quel caso di Elia che non era titolare Io devo considerare non solo la formazione iniziale ma anche le possibili modifiche in corsa. Non ho accantonato la difesa a 3 perché non  mi piaccia. Abbiamo adottato quel modulo perché non stavamo bene fisicamente e volevo essere più compatto e accorto. Ora stiamo molto meglio e sinceramente preferisco vedere la mia squadra molto propositiva anche se subiamo qualche ripartenza e rischiamo di più. È normale che in alcune partite dove magari si sta vincendo e può essere  opportuno passare a 3. Domani sarà una partita dove mi aspetto sia il fioretto sia la sciabola in base a come sarà il risultato. Penso che la cosa più importante per noi sia la voglia di vincere e la determinazione nel cercare di ottenere il risultato».