Addio Frattese. Titolo ad Ercolano. Battiloro non convince tutti...

07.07.2018 16:21 di Marco Pompeo Twitter:   articolo letto 1031 volte
Addio Frattese. Titolo ad Ercolano. Battiloro non convince tutti...

La Frattese non c'è più, in Serie D. In realtà anche quella che nella scorsa stagione ha calcato la massima serie dilettantistica nazionale già non era più la nerostellata Frattese (doveva ridare vita al Campania Ponticelli ma non se ne fece nulla vivendo un campionato da apolide). Frattese che nel frattempo è rinata in Eccellenza, ma questa è un'altra storia.

Un giro davvero vorticoso quello che in queste settimane è accaduto in Campania. Il Savoia neopromosso si è fuso col Nola, che ne ha acquisito il titolo sportivo. Il club di Torre Annunziata vivrà col titolo dell'Ercolanese arrivato insieme al nuovo presidente Francesco Annunziata. Ad Ercolano, invece, il calcio non morirà (almeno per ora) grazie al titolo della Frattese.

Quest'ultima operazione è targata Gaetano Battiloro, che ieri, presso le Scuderie di Villa Favorita a Ercolano, ha presentato il nuovo progetto per la stagione 2018-2019 davanti allo stesso sindaco di Ercolano Ciro Boanajuto. Inizialmente lo stesso Battiloro sembrava volesse approdare, col titolo sportivo sotto braccio, a Pozzuoli ma poi la cosa è naufragata ed è arrivata la svolta Ercolanese.

Un progetto che vede diversi imprenditori coinvolti che in cambio del loro impegno sono stati premiati, a vario titolo, da una carica all'interno dell'organigramma societario. Organigramma in cui, però, Gaetano Battiloro, in qualità di amministratore delegato, sovrasta gerarchicamente tutti ponendosi a capo della Società a responsabilità limitata.

La squadra si chiamerà Granata 1924 (per la FIGC) ma per tutti sarà Ercolanese. I tifosi sembrano essere fiduciosi. Non tutti però hanno espresso questo sentimento. Diversi i supporters che non vedono di buon occhio l'arrivo di Gaetano Battiloro ad Ercolano.

Del resto, chi ha espresso ragionevoli dubbi va capito. La storia di Gaetano Battiloro nel mondo del calcio è un filo lunghissimo che riannodare è complicato. Di certo, le sue ultime avventure non si possono definire fortunate: Mestre, Isernia, Novese e Maceratese sono club spariti di fatto dal panorama nazionale (le prime due poi rinate per fortuna dei loro tifosi).

Come rispondere, dunque, ai dubbi dei tifosi che leggono on line articoli (solo per citarne alcuni: Una passione che non si è mai spenta nonostante avventurieri e fallimenti, La Novese in balìa dell'incertezza. Chi sono i nuovi proprietari?La Novese fallisce: scompare un pezzo di leggenda del calcio italiano, Chi ha fatto sparire la Novese ora ci prova alla Maceratese, Maceratese venduta ai napoletani, la nuova proprietà è già un caso) poco incoraggianti ponendosi quesiti importanti? Immaginiamo, soltanto coi fatti.

Il fatto sportivamente più rilevante in questo momento è che l'Ercolanese vivrà e non è da poco considerando l'addio dell'ex presidente Annunziata che ha preferito il Savoia. A guidare la squadra sarà Antonio Maschio, tecnico che ha guidato la Frattese di Battiloro salvandola dalla retrocessione.

Di seguito l'organigramma societario

Amministratore Unico: Gaetano Battiloro

Presidente: Giovanni Russo

Vice Presidente: Gianpiero Campana

Direttore Generale: Vincenzo Gaglione

Direttore Sportivo: Pierangelo Romano

Responsabile Intero Settore Giovanile: Dott. Andrea Formicola

Segretaria: Delia Tufano

Team Manager: Luca Mazzarella

Dirigente Addetto Arbitri E Accoglienza: Pasquale Guida

Responsabili Martketing: Domenico Di Bartolomeo - Lucio Savastano

Responsabile Ufficio Stampa: Giuseppe Formisano

Dirigente Accompagnatore: Salvatore Di Dato

Responsabili Security, Biglietteria E Servizi Esterni: Giovanni Caiazzo - Antonio De Michele

Magazzinieri: Antonio Iuliano - Carmine Cozzolino