Catania, mister Raffaele: «Il Foggia ha qualità, noi in crescita. Sofferto solo in due delle ultime dieci gare»

16.01.2021 16:46 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Catania, mister Raffaele: «Il Foggia ha qualità, noi in crescita. Sofferto solo in due delle ultime dieci gare»

Vigilia di Catania-Foggia. L’allenatore rossazzurro Giuseppe Raffaele rilascia alcune dichiarazioni in vista del match auspicando un pronto riscatto della squadra, reduce dalla sconfitta di Caserta:

“Stiamo bene. Abbiamo sostenuto una bella settimana di lavoro, intensa, prestando particolare attenzione alla fase di possesso e non. Siamo pronti per ripartire forte, ce lo auguriamo dopo la frenata di domenica scorsa. Il Foggia ha qualità, possiede giocatori importanti ed è allenato molto bene. Sono in serie utile da sette partite, sappiamo che per fare risultato servirà una prestazione fatta bene, riducendo al massimo gli errori”.

“La squadra ha avuto una crescita evidente sul piano del gioco. Abbiamo iniziato la stagione cercando di badare al sodo. Considerando le ultime dieci gare disputate, forse il Catania ha leggermente sofferto solo in due occasioni. A Caserta abbiamo provato a portare tanti uomini in fase offensiva. Dobbiamo lavorare anche allo scopo di avere i sincronismi giusti, tenendo il possesso della palla e subendo al minimo il contropiede avversario“. 

“In avanti dobbiamo essere più imprevedibili. Nelle ultime 7-8 gare si è registrata un’ottima media realizzativa e la possiamo migliorare ancora. Tiriamo di più in porta, le catene si muovono bene, dobbiamo cercare di finalizzare meglio le giocate tirando anche più spesso da fuori, ma poi dipende da chi gioca. Ci sono centrocampisti più prediposti ad andare alla conclusione, altri meno. Oggi la squadra ha acquisito la mentalità di giocare sia in casa che fuori per dettare i ritmi di gioco e fare la partita“. 

“Bilancio del girone d’andata? Se riuscissimo a vincere domenca, sul campo sarebbero 32 punti e mi riterrei soddisfato. La prima parte di campionato è stata positiva, vedremo se riusciremo a ripeterci e migliorare. Adesso la sfida è cercare di coniugare gioco e risultati continuando a ricercare la continuità, che è importante”.

“Se giocheremo più spesso con il 3-4-3? Non mi soffermerei tanto sul modulo. Sono principi di gioco. Durante le gare abbiamo alternato la linea a tre o a quattro, dipende anche da come si predispone l’avversario. Se ti attaccano con una punta rimaniamo a due dietro, cercando di portare più giocatori possibili in avanti. Il 3-4-3, comunque, è il modulo di base che spero di utilizzare fino al termine del campionato“. 

“Sia Sales che Russotto hanno sempre giocato finora nelle squadre da cui li abbiamo prelevati, sono in piena forma. Andrea ha due allenamenti pieni con noi, fino al giorno prima di venire si era allenato a Cava, ha giocato fino a sabato. Sales è arrivato già martedì, quindi si è allenato con noi durante la settimana. Sono pienamente a disposizione, valuterò in base a quel che mi dice la partita se giocheranno, il loro impiego è plausible anche dal 1′“.

“Sarao avrà l’occasione di riscattarsi? Ognuno di noi sa che quando gioca bene cerca di trovare continuità nelle prestazioni. Può anche capitare una prova al di sotto delle possibilità, allora si deve lavorare per avere quel fuoco dentro e dimostrare in campo di fare la differenza. I ragazzi sono tranquilli, sereni, motivati, determinati per questa gara. Siamo a Catania, sanno di fare un percoro. Si può anche cadere, dopo una caduta ci si deve rialzare per andare a ricercare l’obiettivo dei tre punti“.

“Reginaldo? Ci sono delle armi a disposizione che, se necessario, andranno in campo. Sono valutazioni che si fanno di gara in gara. Dipende dalla partita. Biondi al posto di Pinto o Albertini, oppure Zanchi? Abbiamo provato un paio di soluzioni, mi hanno soddisfatto entrambe. Forse ci sarà bisogno di averle entrambe durante il match perchè qualche giocatore può dare qualcosa di più in una fase di gioco piuttosto che in un’altra. Valuterò nelle prossime ore”.