Chi contrae il covid in serie D non è obbligato a fermarsi per settimane: il punto

19.01.2021 11:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: mondorossoblu
Chi contrae il covid in serie D non è obbligato a fermarsi per settimane: il punto

Sta tenendo banco, in queste ultime ore, una circolare emessa dal Ministero della Salute, datata 13 gennaio 2021, che va a riguardare l'idoneità sportiva degli atleti dilettanti, quindi non professionisti, colpiti dal Covid-19. Secondo tale documento, infatti, il soggetto vittima del virus dovrà, dopo trenta giorni dalla guarigione, sottoporsi alla visita medico-sportivo incrementata di elettrocardiogramma-colorDoppler e, dopo il buon esito degli esami, intraprendere un percorso graduale di riabilitazione all'attività con la supervisione del Responsabile sanitario della società sportiva. Questo, quindi, comporterà un periodo di stop di circa due mesi.

SCARICA CIRCOLARE - Idoneità all'attività sportiva agonistica in atleti non professionisti Covid-19 positivi guariti e in atletici con sintomi suggestivi per Covid-19 in assenza di diagnosi da Sars-Cov-2