Foggia, Corda annuncia: "Abbiamo rifiutato il posticipo con l'Andria"

09.11.2019 19:15 di Francesco Pizzoccheri   Vedi letture
Fonte: Francesco Beccia – www.foggia.iamcalcio.it
Foggia, Corda annuncia: "Abbiamo rifiutato il posticipo con l'Andria"

È intervenuto in conferenza stampa Ninni Corda, tecnico del Foggia, alla vigilia del match contro il Sorrento in programma domani. Queste le sue parole:

“Il Sorrento ha fatto benissimo con le squadre più forti e prende pochi gol. Sono una squadra competitiva e sono forti in tutti i reparti. È una squadra difficile da affrontare con grandi individualità. Noi dobbiamo continuare a vincere.

Ha recuperato Kourfalidis, gli altri infortunati sono ancora fuori. Sarà un test molto importante domani nonostante le assenze che abbiamo ma non ci piangiamo addosso. Ho tanti giocatori in rosa che possono giocare in ruoli diversi quindi non ho problemi in difesa. Dal punto di vista mentale e fisico stiamo molto bene e possiamo affrontare questa settimana con tre gare nel modo giusto. Per me anche con il Sorrento è uno scontro diretto.

La tragedia di viale Giotto è una cosa bruttissima perché 67 vittime non possono morire in questo modo. È importante che la società ed il presidente abbia voluto fare qualcosa per ricordare questa tragedia.

Il Sorrento gioca molto da dietro anche con il portiere ed hanno personalità e qualità. Per le ammonizioni non si possono gestire in campo quando si gioca o cercare di evitare, anche Gentile e Fumagalli sono diffidati e prima o poi verranno ammoniti, ma sono cose che non si possono gestire. Gli esoneri degli allenatori sono cose brutte ma sono situazioni che possono andare bene ma anche male. Sono abbastanza soddisfatto di quello che abbiamo già fatto adesso ma dobbiamo sempre migliorare perché sarò totalmente soddisfatto a maggio se raggiungeremo l’obiettivo. Secondo me anche il Bitonto è un’ottima squadra. Sicuramente Andria e Cerignola avranno più difficoltà nel recuperare. Sugli orari delle partite purtroppo c’è un regolamento in cui le squadre possono mettersi d’accordo nel cambiare orari delle gare. Per esempio a noi hanno chiesto ad Andria di giocare alle 18 ma per noi non va bene perché la domenica bisogna giocare alle 14.30. Per gli orari della coppa Italia è diverso perché durante la settimana i tifosi lavorano quindi è giusto giocare di sera”.