Il San Luca non ci sta: «Valutiamo eventuali profili di illecito sia sportivo che penale»

16.08.2022 16:30 di Maria Lopez   vedi letture
Il San Luca non ci sta: «Valutiamo eventuali profili di illecito sia sportivo che penale»

Il San Luca non ci sta. Il club giallorosso ha manifestato tutta la sua perplessità nel dover affrontare il turno preliminare, previsto per domenica prossima, di Coppa Italia di Serie D in casa del Castrovillari.

Come si legge nella nota emessa dal club la "società tutta, con firma del suo presidente, ha affidato a questa lettera inviata agli organi competenti e che pubblichiamo interamente, richiesta di delucidazioni"

“La presente per esplicarvi quanto di seguito.

È con enorme stupore che abbiamo preso visione dei comunicati in oggetto emarginati, pubblicati in data 12 agosto 2022. Ebbene, dalla lettura dei medesimi risulta che la nostra squadra dovrebbe giocare il turno preliminare di Coppa Italia in trasferta in quel di Castrovillari.

Dall’esame del medesimo calendario, abbiamo notato che squadre con meno titoli della nostra sono state, per così dire, affiancate dalla Dea bendata ottenendo una turno preliminare in casa (cosa che, in caso di vittoria gli consentirà di giocare anche il secondo in casa).

Ebbene, scriviamo per avere contezza e delucidazione in merito ai criteri che l’organismo deputato a tale operazione ha seguito per redigere detto calendario. Se ci sono stati guida o si è proceduto per mesa simpatia.

Ciò, in quanto l’adozione di criteri quali quello di vicinanza territoriale o quello meritocratico avrebbe di sicuro indotto l’organismo deputato a ben diverse scelte nei confronti della Nostra ASD. Il primo criterio, infatti, avrebbe determinato uno scontro con il vicino Locri oppure con la Cittanovese, con gara da giocare in casa nostra, naturalmente; il secondo, criterio, invece, avrebbe indotto ad una scelta diversa consentendo alla nostra squadra di giocare la prima in casa e non fuori casa. Ciò non è stato.

Nondimeno e la cosa assume caratteri paradossali, si è saputo in via informale che esiste agli atti di codesta LND una nota della società Castrovillari che chiede espressamente di giocare la prima di Campionato fuori casa per problemi relativi alla gestione / agibilità del campo sportivo di Castrovillari.

Detto questo, appare chiara la nostra esigenza di conoscere i criteri da Voi utilizzati per redigere detto turno preliminare.

Resta fermo che è nostra intenzione, dopo aver esaminato i criteri da voi indicati ed in caso di risposta non esaustiva, comunicare formalmente la rinuncia alla partecipazione alla Coppa Italia con conseguente richiesta di risarcimento danni nei confronti di chi sarà ritenuto responsabile di questa condotta dannosa nei nostri confronti.

Infine, valuteremo anche l’esistenza di eventuali profili di illecito da segnalare alle autorità di competenza sia sportiva che penale.

Restiamo in attesa di vostro riscontro con eventuale adozione di provvedimento di modifica del C.U. contestato e, quantomeno, in applicazione dei criteri territoriale e/o meritocratico, correzione della prima gara di questo turno in casa della ASD San Luca 1961.

Distinti saluti

ASD San Luca

Il Presidente

Avv. Francesco Giampaolo”.