Il Trestina vince in rimonta il derby umbro di Foligno

18.04.2021 22:15 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: ValleUmbraSport
Il Trestina vince in rimonta il derby umbro di Foligno

Si complica la situazione per il Foligno di Mister Guido Vicarelli, che al Blasone, contro il Trestina, va avanti su rigore, poi però subisce la rimonta degli avversari che si portano a casa il derby umbro. Per i Falchetti si tratta della terza sconfitta consecutiva con la classifica che diventa critica. Quartultimo posto a quota 28 punti in piena zona play out.

Gara che inizia con un sussulto dopo 90’’: Xhafa carica il destro da fuori ma Marricchi ci mette la manona per salvare; la sfera rimane lì e Sylla la ribadisce in rete, ma Carchesio di Lanciano alza la bandierina e ferma tutto. La prima proiezione offensiva del Foligno, all’8’, è subito fruttuosa: Colarieti va al cross dalla corsia di destra e Broso ruba il tempo a Fumanti, che lo tocca. Silvera di Valdarno fischia il calcio di rigore. Il nuovo arrivato Cesario si appropria della sfera e la scarica in rete alle spalle di Mazzoni per l’ 1-0 folignate. Gli ospiti allenati da Bonura provano subito a reagire: al 14’ Khribech mette dentro dalla corsia di destra, Essoussi ci va di testa ma debolmente e Marricchi blocca senza problemi; al 20’ invece Khribech può calciare una golosa punizione dal limite, ma sfrutta male la possibilità, mandando alto. Trestina che ragiona, ma il Foligno è concentrato, ringhia su ogni pallone, mantenendo le giuste distanze nel 3-5-2 e chiudendo gli spazi. Anche se di fatto rinuncia a farsi vedere avanti, se si eccettua un colpo di testa debole di Broso al 26’ su assist di Colarieti. L’iniziativa è sempre in mano ai bianco-neri, che al 31’ riescono a impattare: Caruso crossa teso dalla corsia di sinistra sugli sviluppi di un fallo laterale e al centro di testa Essoussi è una sentenza. Palla alle spalle di Marricchi e 1-1. Nel finale di frazione un’emozione per parte: al 45’ Settimi calcia rasoterra una punizione e la sfera, grazie a qualche rimpallo, filtra verso il secondo palo dove Cesario – tra i migliori dei Falchi – tenta la finezza di tacco, ma senza esito; proprio al fotofinish, invece, Trestina che protesta: Xhafa avvia la falcata di Khribech, che supera Dita sul lato corto destro, entra in area e cade a terra sempre per un tocco del numero 3 di casa. Per Silvera un’occhiata all’assistente e nulla da decretare. Primo tempo chiuso in parità.

75’’ secondi della ripresa e il Trestina sfiora il gol del vantaggio: Lignani al limite prolunga di testa e premia l’inserimento di Sylla, il cui diagonale esce davvero di un soffio. Replica poco dopo, al 3’: Convito fa tutto da solo, arriva al limite e carica il sinistro, che viene ribattuto; sulla sfera va con convinzione Essoussi, che gira con una grande rovesciata, ma senza inquadrare la porta. Foligno che risponde immediatamente al 6’: calcio di punizione per i Falchi scodellato in area; sfera che arriva a Labonia che non ci pensa due volte ma trova la pronta uscita di Mazzoni, molto bravo a metterci una pezza anche sul seguente tentativo di Fondi. Sfida piacevole, combattuta, con entrambe che vogliono farla propria: ospiti forse più manovrieri e con maggior dominio territoriale, mentre i Falchi stanno chiusi, aggressivi, e quando possono cercano di far male in contropiede. Trestina che al 17’ si rende ancora pericoloso: Sylla sfonda sulla sinistra e mette dentro dal fondo; palla spazzata al limite dove arpiona Gori che non riesce a tirare, cosa che invece fa Lignani con un destro a giro su cui Marricchi deve mandare in corner. Vicarelli prova a cambiare qualcosa per cercare di vincerla e con l’ingresso di Finetti passa al 4-3-3. È la squadra di Bonura però ad apparire più convinta e al 30’ ancora proteste verso il direttore di gara quando Sylla viene pescato in area ma cade in seguito a un contatto con Colarieti: per Silvera di Valdarno è fallo dell’attaccante. Prima del quarto d’ora finale triplo cambio per i bianco-azzurri per dare nuova linfa: dentro Giabbecucci, Bokoko e Bartolini e passaggio al 4-2-3-1 con l’obiettivo di guadagnare campo ed alzare il baricentro. Sono ancora gli ospiti però a creare: al 34’ buona progressione di Khribech e cross sul secondo palo al bacio per il piattone di Sylla, che però spreca tutto incredibilmente davanti a Marricchi. Davvero un altro grosso rischio per il Foligno, che come spirito c’è, ma fatica tanto ad affacciarsi dalle parti di Mazzoni per tentare il colpaccio. Colpaccio che però fa il Trestina, che riesce ancora a colpire trovando impreparata la difesa del Foligno da fallo laterale: al 42’ è il 2001 Falconi a ritrovarsi smarcato in area e a scagliare il diagonale del 2-1 per la squadra di Bonura. Non c’è più tempo e il Trestina passa per la prima volta nella sua storia al “Blasone”, lasciando ai Falchi tanto amaro in bocca.

FOLIGNO – TRESTINA 1-2

FOLIGNO (5-3-2): Marricchi; Colarieti, Labonia (23’ st Finetti), Aldrovandi, Nuti, Dita (30’ st Bartolini); Settimi (30’ st Bokoko), Sanseverino (44’ st Ferri), Fondi; Broso (30’ st Giabbecucci), Cesario. A disp.: Meniconi, Rossi, Currieri, Buono. All.: Vicarelli.

TRESTINA (4-3-3): Mazzoni; Convito, Fumanti, Cenerini, Caruso (43’ st Maggioli); Xhafa (30’ st Falconi), Gori, Lignani (41’ st Gabellini); Khribech, Essoussi, Sylla. A disp.: Migni, Palla, Cesarini, Benghalef, Bicchiarelli, Mariucci. All.: Bonura.

Arbitro: Silvera di Valdarno (assistenti: Carchesio di Lanciano – Iuliano di Siena).

Reti: 9’ pt rig. Cesario (F), 31’ pt Essoussi (T), 42’ st Falconi (T).

Note: gara giocata a porte chiuse. Ammoniti: Nuti (F), Lignani (T), Khribech (T), Labonia (F), Cenerini (T), Dita (F), Bokoko (F), Sanseverino (F). Angoli: 2-6. Recupero: 1’ pt e 5’ st.