La Virtus Bolzano cede di misura alla capolista Trento

15.05.2021 20:00 di Anna Laura Giannini   Vedi letture
La Virtus Bolzano cede di misura alla capolista Trento

Il Trento vince il derby contro la Virtus Bolzano e si avvicina sempre più alla promozione in Serie C. Nell’anticipo del quattordicesimo turno del girone di ritorno gli aquilotti passano in vantaggio nella prima frazione con Osuji, subiscono il rientro degli ospiti con Grezzani e poi conquistano i tre punti grazie al rigore trasformato da Belcastro nella ripresa. Diciannovesima vittoria stagionale per i gialloblù, ormai sempre più vicini alla conquista del passaggio di categoria. Mercoledì turno infrasettimanale ad Adria per la trentaquattresima giornata e potrebbe essere il primo match ball del campionato.

Mister Parlato deve fare a meno degli infortunati Bran, Contessa e Comper e schiera il classico “4-3-1-2” con Ronco in porta e linea difensiva formata da Galazzini e Tinazzi sulle corsie esterne con Trainotti e Dionisi centrali. Gatto è il playmaker in mezzo al campo con Osuji e Caporali interni, mentre Belcastro agisce alle spalle del tandem offensivo composto da Aliu e Pattarello.

La partita comincia all’insegna dell’equilibrio tra le due squadre con la prima occasione che arriva dopo pochi minuti con Aliu che, imbeccato magnificamente da Gatto, controlla di petto e poi calcia di prima intenzione con Iardino bravo nella risposta d'istinto.

All’11’ il Trento passa: discesa sulla corsia destra di Galazzini, che va al cross sul quale si avventa il portiere bolzanino, che smanaccia senza allontanare. La palla viene raccolta da Osuji all’altezza del dischetto che la scaraventa con una “fucilata” sotto la traversa. Gli ospiti subiscono il colpo e il Trento prova ad approfittarne con Belcastro che si libera alla conclusione sulla quale Iardino respinge e sulla ribattuta questa volta Osuji non riesce a trovare la porta. La Virtus Bolzano inizia a mettere fuori il naso dopo la metà della prima frazione con Cremonini che si rende pericoloso con un tiro cross e poi con una punizione di Bounou con Ronco che non si fa sorprendere. Quando mancano otto minuti allo scadere ecco che arriva il gol del pareggio ospite con Grezzani che conclude dal limite dell’area con il mancino, con la palla che si insacca all’angolino.

Nella ripresa il Trento prova a riprendere in mano le redini del match e al 54’  Aliu scatta sul filo del fuorigioco ed entrato in area prova a mettere al centro non trovando l’inserimento di nessun compagno. Passano tre minuti e il Bolzano rimane in dieci per l’espulsione di Grezzani per doppia ammonizione su un fallo al centro del campo su Pattarello. Gli aquilotti iniziano a spingere e riescono a sfondare sempre sulla corsia di destra con il neoentrato Leite Borges che, dcon un cross teso pesca Aliu, steso in area a un avversario, ma l’arbitro lascia proseguire. Parlato ridisegna lo schieramento provando ad alzare il baricentro con un “4-2-3-1” e il cambio modulo da i suoi frutti soprattutto grazie a un ispirato Borges. Il brasiliano intorno alla mezz’ora prima serve al centro per Aliu che però non riesce a girare di testa in avvitamento e poi, sempre sugli sviluppi di un suo traversone, arriva il calcio di rigore decretato dall’arbitro dopo un evidente tocco di mani in area da parte di Forti. Dagli undici metri si presenta Belcastro, che spiazza Iardino e fa 2 a 1, siglando la sua decima marcatura in questo campionato. La partita finisce senza altre emozioni con il Trento che controlla e porta a casa un altro successo fondamentale. Non c’è tempo per riposarsi, mercoledì trasferta ad Adria per la quindicesima giornata del girone di ritorno e potrebbe essere il giorno della promozione.

Il tabellino della gara

Trento - Virtus Bolzano 2-1

Trento (4-3-1-2): Ronco; Galazzini, Trainotti, Dionisi, Tinazzi; Osuji (17’ s.t. Borges), Gatto (12’ s.t. Nunes), Caporali; Belcastro (37’ s.t. Ronchi); Aliù, Pattarello (25’ s.t. Santuari). A disposizione: Cazzaro, Salviato, Amadori, Rivi, Pilastro. Allenatore: Carmine Parlato.

Virtus Bolzano (4-3-1-2): Iardino; Davi, Rizzon, Kiem, Forti (40’ s.t. Mlakar); Bounou, Arnaldo Kaptina, Cremonini (40’ s.t. Cia); Grezzani; Timpone (19’ s.t. Bacher), E. Kaptina (19’ s.t. Gulic). A disposizione: Grbic, Menghin, Kuka, Carella, Hochkofler. Allenatore: Alfredo Sebastiani.

Arbitro: Enrico Gigliotti di Cosenza

Reti: 11’ p.t. Osuji (T), 36’ p.t. Grezzani (VBZ), 36’ s.t. rig. Belcastro (T)

Note: Pomeriggio caratterizzato da cielo nuvoloso. Terreno in ottime condizioni. Un centinaio di spettatori presenti. Ammoniti: Tinazzi, Gatto, Aliù e Osuji del Trento; Grezzani, Mlakar e Forti della Virtus Bolzano. Angoli: 2 a 1 per la Virtus Bolzano. Al 13’ s.t. espulso Grezzani della Virtus Bolzano per doppia ammonizione. Presente in tribuna il presidente della provincia di Trento Maurizio Fugatti. Recuperi: 1’ p.t.; 4’ s.t.