Lentigione, Salmi: "Il bello viene adesso"

15.03.2019 09:30 di Davide Guardabascio  articolo letto 90 volte
Fonte: gazzetta di reggio
Lentigione, Salmi: "Il bello viene adesso"

Il campionato di serie D entra nel rush finale. Il Lentigione, grazie alla brillante vittoria ottenuta due settimane fa a Mazzano contro il Ciliverghe, ora si trova a quota 33 con sei punti di vantaggio sul Pavia primo della zona playout.

«Il bello viene da adesso in poi – spiega il tecnico rossobianco Francesco Salmi – con le squadre che giocheranno per fare punti ed arrivare alle loro mete. Noi cercheremo di fare altrettanto, anche se sarà un percorso pieno di ostacoli». Il primo sarà l’Axys Zola domenica. «E non solo, perché avremo una serie di partite molto delicate da affrontare. Certamente la prima sarà quella con i bolognesi. Squadra che rispetto all’andata ha variato molto, ha inserito ottimi giocatori ed un allenatore (Roberto Notari) esperto che ha allenato per tanti anni in categoria e che ne conosce le dinamiche. Sarà una bella battaglia perché tutte e due cercheremo di fare punti per arrivare alla salvezza». Un’altra partita da ex. «Ormai non le conto più. Di squadre ne ho allenate tante e dopo tanti anni credo sia normale. Quello che più mi interessa è che i ragazzi riescano fare un’ottima partita». Questa settimana di pausa vi è servita? «Sì, ci siamo allenati da mercoledì a sabato la scorsa settimana, abbiamo tirato un po’ fiato ed ora abbiamo ripreso il nostro solito ritmo. Ne avevamo bisogno perché venivamo da un periodo difficile dove le tre partite in una settimana, su campi non proprio belli, si erano fatte sentire. Soprattutto questo stop ci ha dato la possibilità di recuperare qualche acciaccato e qualcuno che aveva bisogno di un po’ di riposo». Bertoli rientra? «Vediamo perché è uscito con una piccola contrattura dalla sfida contro il Ciliverghe Mazzano nel primo tempo e si sta allenando a parte. Sarà da valutare domenica mattina quando vedremo se rischiarlo oppure no. Per Barone non ci dovrebbero essere problemi non era in campo perché influenzato e potrebbe essere degli undici anche Terzoni ma anche per lui vale il discorso Bertoli, ovvero una valutazione prima della partita».