Lornano Badesse, Paparusso: «Non corriamo troppo, abbiamo davanti quattro partite fondamentali»

19.01.2022 00:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Lornano Badesse, Paparusso: «Non corriamo troppo, abbiamo davanti quattro partite fondamentali»

La fascia sinistra è il suo habitat naturale. A luglio ha preso quella del Lornano Badesse e non l’ha più mollata. Daniele Paparusso è un difensore a tutto tondo, ma prima ancora della posizione in campo, è uno dei leader della squadra. Cuori e polmoni da vendere, sul rettangolo verde non risparmia sé stesso e avversari. Sempre con un solo obiettivo: dare il massimo e portare la società biancazzurra più in alto possibile

Daniele, domenica è prevista la ripartenza del campionato. Che Lornano Badesse troveremo?
“Una squadra pronta. E’ tanto che non giochiamo, ma in questo periodo ci siamo allenati bene e continuiamo a farlo ogni giorno. E’ stata una mini-preparazione. A questo punto non vediamo l’ora di tornare in campo e riprendere da dove avevamo lasciato”.
Eravate all’apice della forma. Fermarsi così a lungo può essere controproducente?
“Non credo e soprattutto è un discorso che vale per noi come per gli altri. Sono convinto che queste settimane ci abbiano aiutato e ci aiuteranno nel resto della stagione. Ci sono tutti gli elementi per fare anche meglio nella seconda parte di stagione”. 
La squadra ha finito in crescendo. Tu hai fatto lo stesso. A cosa si deve il tuo cambio di passo?
“Le prime partite sono state di assestamento e anche per me è stato lo stesso. Poi man mano il gruppo è cresciuto in maniera esponenziale e pure io sono migliorato. Abbiamo una classifica importante. Ancora però non abbiamo fatto niente”. 
Sei uno dei senatori del Lornano Badesse. Come ti vedi in questo ruolo?
“I giovani, anche per il sistema delle quote, sono una componente fondamentale della squadra. In generale ci sono ragazzi preparati. In campo mi considero un martello e pretendo da loro lo stesso impegno. Cerco di dare l’esempio e vorrei portare tutti ad alzare l’asticella”.
Quella di Badesse è anche una scelta di vita. Guardandoti indietro, sei soddisfatto?
“Dopo alcuni al sud, volevo riavvicinarmi a casa. Avevo una serie di richieste per proseguire lontano dalla mia famiglia, ma ho fatto altre scelte. A Badesse ho trovato una società giovane ma ambiziosa. Ci sono persone competenti e i fatti lo stanno dimostrando”. 
A breve inizia il girone di ritorno. Dopo San Donato e Poggibonsi, si potrà già dire chi siete?
“Non corriamo troppo. Abbiamo davanti quattro partite fondamentali. Cerchiamo di raccogliere il massimo dei punti, poi vedremo. Siamo solo a fine gennaio, ma abbiamo grandi ambizioni. Sempre ovviamente tenendo i piedi per terra e affrontando un impegno alla volta”.