Mestre, il presidente Serena: "Serve un reset, budget elevatissimi tra i dilettanti"

06.04.2020 12:30 di Redazione NotiziarioCalcio.com   Vedi letture
Mestre, il presidente Serena: "Serve un reset, budget elevatissimi tra i dilettanti"

Il presidente del Mestre, Stefano Serena, è stato intervistato dalla stampa locale. Queste le sue dichiarazioni: "Quando tutto questo sarà passato, il mondo del calcio, quello dilettantistico in particolare e io per primo, dovremo approfittarne per fare un serio esame di coscienza: serve un reset perché le regole devono cambiare, i budget tra i dilettanti sono elevatissimi, quando non sproporzionati, certe cifre e determinati impegni economici sono oggettivamente eccessivi. Il calcio dilettantistico rappresenta una vetrina importante, ha un indotto rilevante il cui peso specifico economico è considerevole e diffuso tra diversi settori commerciali e produttivi. Il coronavirus però ha toccato nel profondo anche questo sistema, e lo prova il fatto che molte società dilettantistiche, in serie D e nelle categorie inferiori, si trovano in grave sofferenza".

"Se non sarà il coronavirus a determinare il cambio di passo", continua Serena, "sarà di sicuro  qualcos'altro a imporlo. Occorre ripartire dal contenimento dei costi, ad esempio, e dalla centralità del settore giovanile, una centralità vera, non solo proclamata. Ciò che sta succedendo non è vincolante per il futuro del Mestre e comunque non muta la strategia di fondo: il Mestre appartiene ai tifosi, non al Presidente; il mio impegno rimane quello di lavorare per garantire continuità al Mestre".

Sugli scenari futuri: "Chiaramente a tutti piacerebbe giocarsela e il desiderio sarebbe quello di riprendere il campionato, ma fino a quando la situazione non si è stabilizzata, è giusto attendere. Vero è che sembra profilarsi un lento miglioramento, ma tutto fa pensare che anche l'annullamento possa essere qualcosa di più di un'ipotesi. C'è da dire, peraltro, che il nostro obiettivo stagionale è stato centrato: puntavamo a disputare un campionato di alto livelli con i giovani, la classifica dimostra che ci siamo riusciti e che possiamo gettare le basi, si spera, per la prossima stagione".