Mister Ramella: "Voglio un altro Pavia..."

15.03.2019 21:00 di Davide Guardabascio   Vedi letture
Fonte: la provincia pavese
Mister Ramella: "Voglio un altro Pavia..."

Intensa settimana di lavoro quella che mister Ramella sta svolgendo con i suoi giocatori in vista della trasferta di Carpenedolo con il Calvina. Un lavoro che ha permesso di conoscere meglio il gruppo e cercare qualche soluzione tattica diversa per il tecnico del Pavia.

E anche l’aver avuto un turno di riposo, domenica scorsa, sul piano mentale ha permesso di staccare a giocatori che vivono un pesante periodo negativo da cui non riescono a uscire. «Abbiamo anche disputato un allenamento congiunto a Chieri, una partitella che ha dato indicazioni positive e una prova che ci ha dato un po’ di morale. Anche perché – spiega Ernestino Ramella – come si vede da diverso tempo questa squadra al primo errore va in difficoltà, subisce gol e non riesce a reagire. Bisogna ritrovare il giusto mordente, la giusta carica ed è quello che stiamo cercando di fare». Per quanto riguarda il piano tattico - lo aveva detto al suo arrivo e dopo la gara con il Sasso Marconi, persa malamente - il tecnico del Pavia insiste su un atteggiamento più aggressivo della sua squadra. 

«Dobbiamo andare a pressare alto, a cercare di mettere in difficoltà i portatori palla avversari – spiega Ramella – Provare a rubar palla o far commettere errori. Le caratteristiche della nostra squadra non sono queste, ma dobbiamo farlo. Penso che l’unico che ha sempre giocato così sia Trajkovic che lotta, ruba palla e riparte. Ma anche altri in mezzo devono imparare a farlo». Bisogna pure ritrovare una maggiore pericolosità. «Proprio con gli inserimenti anche i centrocampisti, non solo le punte, devono provare a cercare la conclusione da fuori – spiega l’allenatore del Pavia – Si può sbagliare tiro, non centrare lo specchio della porta, ma alla lunga si possono trovare quei gol e quelle soluzioni offensive che non ho visto nelle due ultime partite, la prima che avevo seguito dalla tribuna e la seconda in campo da allenatore con il Sasso Marconi». E poi ci vogliono punti per la classifica e il morale... «Da Carpenedolo dobbiamo tornare con un risultato positivo che avrebbe un doppio effetto – ammette Ramella – Il primo numerico sulla classifica, il secondo ci porterebbe finalmente ad alimentare una fiducia in noi stessi ora quanto mai necessaria. E più passa il tempo con risultati negativi più si è vista una squadra in pesante difficoltà». Oggi è solo giovedì e ci sono tre allenamenti ancora da svolgere, ma certamente la testa e l’avversario Calvina si avvicina. Psicologicamente è un tema che affronterà all’ultimo pensando prima di tutto al suo Pavia? «Certo ho visto la partita in video del Calvina con l’Audace Reggio, persa di misura (1-2), dove ha avuto occasioni e fatto una buona prova – spiega Ramella – Ma se sono terzultimi qualche problema l’avranno pur avuto anche loro. A differenza nostra tra qualche vittoria e pareggio il Calvina ha ottenuto più punti nel girone di ritorno e fatto qualcosa di buono. Ma dei nostri avversari ai miei giocatori parlerò solo sabato, spiegando sul campo in una rifinitura tecnica come giocano, provando soluzioni offensive e difensive, comportamenti che mi auguro siano poi attuali sul terreno di gioco».