Modena, Apolloni: "Stanno arrivando dei trascinatori, uomini squada oltre che bravi calciatori"

15.06.2018 07:00 di Anna Laura Giannini  articolo letto 1360 volte
Fonte: gazzetta di modena
Modena, Apolloni: "Stanno arrivando dei trascinatori, uomini squada oltre che bravi calciatori"

Il Modena ha piazzato i primi cinque colpi sul mercato mettendo pedine importanti nella difesa e nell’attacco della squadra che Apolloni dovrà cercare di portare al traguardo della promozione in serie D.

Davanti sono arrivati Carlo Ferrario, il cannoniere principe della serie D reduce da trenta reti alla Pergolettese, Pierluigi Baldazzi, attaccante esterno velocissimo e abile nell’uno contro uno, e Fabio Lauria, 23 reti in 34 presenze lo scorso campionato con la Sanremese.

Dietro c’è il ritorno di una bandiera Armando Perna protagonista di una grande stagione al Mestre, e con lui sono arrivati Stefano Berni, colonna difensiva del lentigione che sia Tosi che Apolloni conoscevano bene, e Luca Cacioli, già a Parma con il mister del Modena e assieme a Baldazzi forte della promozione con la Vis Pesaro, l’ottava in serie D per l’esperto centrale.

Chiediamo a Gigi Apolloni un parere sui nuovi arrivi. Partiamo da Ferrario. «E’ un giocatore dotato sia tecnicamente che fisicamente, qualità importante in D dove ci vuole anche molta forza fisica. I gol segnati parlano per lui, ma arriva con tanta umiltà e voglia di far bene. Sa che a Modena si gioca un’occasione importante della carriera. Gli ho parlato trovando un ragazzo animato da una gran voglia di mettersi a disposizione. Sente la responsabilità, ma con entusiasmo». Restiamo in attacco: Baldazzi. «Ha qualità enormi. Rapido, spacca le difese, salta l’uomo: è un valore aggiunto in D. E sarà importante quando troveremo squadre che si metteranno tutte dietro la linea del pallone».

Passiamo ai tre colpi in difesa: Perna, Berni e Cacioli. «Armando lo conosciamo tutti e non ha bisogno di presentazioni. Berni ha cambiato ruolo, passando da esterno a centrale: lo conosco bene e mi ha stupito come si sia calato con naturalezza nel ruolo di centrale. Un bel colpo. Come Luca Cacioli: era con me a Parma, ha vinto tanto, è un marcatore asfissiante e un uomo spogliatoio come pochi. Il suo arrivo sposa la nostra filosofia: bravi giocatori, ma anche persone di valore, uomini squadra e trascinatori. Vogliamo portare il Modena nei professionisti e servono uomini così».

Centrocampo ancora da fare e sul modulo di gioco c’è già un’idea? «L’idea c’è, ma credo che sia importante avere prima la rosa poi trovare il sistema che la valorizzi. Dovremo essere duttili nel corso delle gare. Il centrocampo? Seguiamo diversi giocatori, alcuni importanti».