Nardò, Scialpi: «Brutto non giocare, ma pensiamo già al Casarano»

22.10.2020 23:30 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: salentosport
Nardò, Scialpi: «Brutto non giocare, ma pensiamo già al Casarano»

Domenica per il Nardò è finalmente arrivato il primo successo stagionale. Una vittoria voluta e cercata dagli uomini di mister Ciro Danucci che, dopo le prime tre giornate, non erano ancora riusciti a muovere la classifica. Un successo importante, che fa bene non solo in termini di punti, ma anche e soprattutto a livello mentale ad un gruppo giovane, che ora potrà cominciare ad esprimere tutto il reale valore di un collettivo in un girone ostico e complicato.

I colleghi di salentosport hanno raccolto le sensazioni del numero 10 granata Alessandro Scialpi: “Sicuramente non è stato l’inizio che ci prospettavamo– racconta l’ex Lecce -, senza alcun alibi, dico che partire con cinque/sei assenze nel pacchetto over non è stato affatto semplice. In questo campionato, quando già vi sono un paio di assenze, la squadra ne risente; noi addirittura ci siamo trovati ad affrontare l’avvio di stagione senza diversi titolari. Al di là di tutto ciò, credo che già a partire dalla gara di Sorrento meritavamo di uscire con almeno un punto in tasca, poi nelle altre due gare non siamo riusciti a fare benissimo, e ci siamo ritrovati in una situazione non semplice. La vittoria di domenica dà una svolta a livello mentale, ora però occorre continuare a lavorare per cercare di proseguire su questa rotta”.

Dopo una prima parte di carriera spesa tra i professionisti e nelle giovanili della Nazionale, l’estroso centrocampista gallipolino, anche a causa di alcuni infortuni, ha deciso di ripartire proprio dalla Premier league pugliese, trovandosi dopo tre stagioni ad altissimo livello nuovamente in Serie D: “Il girone h – prosegue Scialpi – si conferma il più difficile di tutta la Serie D. Ogni domenica si vanno ad affrontare compagini di primo livello e, conseguentemente, non è mai facile fare punti; dal mio punto di vista son felice di affrontare questo campionato, perchè, oltre ad essere una bella vetrina per i più giovani, si tratta di un palcoscenico importante anche per noi più grandi. Nella mia umile carriera, la Serie D l’ho fatta solo nei cinque mesi a Francavilla, dove riuscimmo a vincere il campionato, anche se onestamente un brutto infortunio all’esordio condizionò la mia annata. I tre anni in Eccellenza mi son serviti molto per ritrovare continuità e soprattutto fiducia in me stesso. Ora mi sento nuovamente pronto per affrontare questo girone nel migliore dei modi”.

L’ombra del Covid-19, nelle ultime ore si è abbattuta anche sul girone H . Lo stop dell’Aversa ferma quindi anche Scialpi e compagni, che proprio domenica avrebbero dovuto rendere visita alla formazione campana. Una situazione non semplice da affrontare che ovviamente preoccupa un po’ tutti: “Purtroppo domenica non giocheremo e questa ovviamente non è una notizia positiva per noi. Proprio ora che, oltre ad essere in fiducia dopo il successo contro la Puteolana, stavamo iniziando a recuperare alcuni elementi importanti. In questa settimana serve tenere alta la concentrazione, allenandosi sempre al massimo e puntando dritto alla sfida contro il Casarano. Questa situazione non è affatto semplice da affrontare per nessuno di noi. La figura del calciatore in queste categorie non corrisponde a quella di un calciatore milionario di Serie A. Noi viviamo di stipendio, lavoriamo sei giorni su sette come ogni lavoratore, e ovviamente tutto ciò non può che destare preoccupazione. Ci auguriamo che la giostra del calcio non si fermi, perchè – conclude Scialpi – per chiunque viva di calcio sarebbe qualcosa di troppo pesante e difficile da affrontare”.