Picerno, Franzese: «Casarano è la squadra da battere. Che attacco...»

21.01.2021 13:45 di Nicolas Lopez   Vedi letture
Picerno, Franzese: «Casarano è la squadra da battere. Che attacco...»

Intervistato dai canali uffiiciali del club, è tornato a parlare il team manager del Picerno, ed ex calciatore rossoblù di lungo corso, Roberto Franzese.

Questi i passaggi evidenziati da NotiziarioCalcio.com: «Dovevo essere il responsabile del settore giovanile del Picerno quando ancora in club era in Lega Pro. Poi, la brutta vicenda che è meglio non ricordare più ci ha fatti ritrovare in Serie D ed il direttore Greco mi ha voluto affidare il ruolo di team manager della prima squadra. Per me è un incarico importante ed io posso solo ringraziare per l'opportunità concessami. Ho un ottimo rapporto con tutti i ragazzi e lo staff tecnico. Il gruppo? Lo vedo in continua evoluzione. Non dimentichiamo che la squadra è stata fatta in fretta e giocatori che arrivavano settimanalmente. Normale ci sia voluto un po' di tempo per amalgamarli e trovare una condizione. Ora la squadra, invece, sta crescendo. Punti persi? Penso alla trasferta di Pozzuoli... e sicuramente qualcosa abbiamo perso all'inizio. Nel calcio però certe cose si compensano. Abbiamo la fortuna di avere una grande società, un grande allenatore ed un grande staff e stiamo sopperendo alle difficoltà iniziali. Il campionato è veramente aperto e bisogna affronare ogni gare come una finale. Rinvio della gara col Sorrento? Con un problema come il covid non è che uno pensi ai punti o alla partita. Chiaramente il rammarico c'è parlando egoisticamente perché venivamo da tre partite sette punti, avevamo entusiasmo e volevamo giocare mentre il Sorrento aveva raccolto pochi punti nelle ultime gare ed avevano un morale diverso dal nostro. Di fronte però a questa emergenza l'importante è che tutti stiano bene, poi la gara si recupererà. Sfida prossima col Casarano? Per me i rossazzurri sono la squadra da battere di questo girone. Si tratta della classica partita che si prepara da sè come si suol dire, una gara importante ma non fondamentale. Chi temo? Sono tanti giocatori di categoria superiore. In particolare hanno un reparto avanzato davvero molto forte dove ci sono anche giocatori che stanno trovando meno spazio laddove potrebbero essere titolari ovunque».