Sambenedettese, l'allarme di mister Antonioli: «Squadra che non può giocare in serie D»

29.11.2021 06:30 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Fonte: gazzettarossoblu
Sambenedettese, l'allarme di mister Antonioli: «Squadra che non può giocare in serie D»

In casa Sambenedettese, mister Antonioli ha commentato il ko sul campo del Matese:

«Oggi parlare di calcio è difficile. Abbiamo dimostrato tutti i nostri limiti caratteriali. Chi ne aveva di più a livello caratteriale è riuscito a vincere la partita. Loro sono stati più squadra e sono arrivati sempre primi sul pallone. Nel primo tempo si è verificato questo. Nel secondo tempo siamo migliorati, accorciando il risultato e rischiando di pareggiare la partita, ma è stata una reazione troppo tardiva. Abbiamo regalato un tempo.

Questo era un match da giocare giocando con palla in avanti e andando sulle spizzate e sulle seconde palle, ma tutto ciò è stato fatto solo nel secondo tempo. Inutile stare qui a fare troppi discorsi, anche durante la settimana. Non si tratta di un discorso tattico o tecnico, ma caratteriale. La Samb è una squadra che in questo momento non ha la mentalità giusta per stare in questa categoria. Oggi abbiamo fatto un passo indietro anche per quanto riguarda la fase difensiva, commettendo troppi errori. Dobbiamo lavorare e provare a rimediare a questa situazione. Oggi abbiamo giocato in un campo pesante che ci ha penalizzato.

Magari in futuro troveremo situazioni a noi più favorevoli che ci permetteranno di esprimere meglio il nostro gioco. Tra tutte le sfortune che ci stanno colpendo oggi è capitata anche questa. Per quanto riguarda il mercato posso solamente dire che ci penserà la società. Qualcosa cambieremo. Il problema principale, continuo a ribadirlo, è la mancanza di carattere di una mentalità non adeguata alla Serie D.

Non voglio parlare di salvezza, ma dobbiamo certamente migliorare la classifica. Il tempo per arrivare in alto non c’è più, ma per la salvezza sì. Facciamo fatica, e i numeri parlano chiaro. Dobbiamo uscire dalla zona calda. Oggi non ci sono attenuanti, ma è la partita peggiore che ci potesse capitare in questo momento. Oggi siamo stati molli nei contrasti, nelle marcature e non abbiamo la furbizia giusta. Sembriamo una squadra di ragazzini».